giovedì 19 gennaio | 10:10
pubblicato il 01/lug/2013 18:11

Auto: Csp, a giugno niente di nuovo. Mercato continua a cadere

(ASCA) - Roma, 1 lug - Nulla di nuovo sul fronte dell'auto.

Il mercato continua a calare. In giugno le immatricolazioni hanno fatto registrare il 39* calo mensile a partire dal marzo 2010, cioe' dalla fine degli ultimi incentivi alla rottamazione. Lo rileva il Centro Studi Promotor precisando che la serie nera iniziata allora si e' interrotta infatti solo due volte (+4,2% a maggio 2011 e +4,17% ad agosto 2011) in 41 mesi. In particolare nel giugno scorso, secondo i dati diffusi oggi dal Ministero dei Trasporti, le immatricolazioni sono state 122.008 con una contrazione del 5,51%. Si tratta di un calo piuttosto contenuto rispetto a quelli del passato anche recente, soprattutto se si tiene conto che nel giugno scorso vi e' stato un giorno lavorato in meno rispetto a giugno 2012.

Il tasso di caduta - spiega il Csp - dunque rallenta, ma cio' non toglie che il livello della domanda scivoli sempre piu' in basso e che sia difficile prevedere quando verra' toccato il fondo. Le attese degli operatori, rilevate dal Centro Studi Promotor nel quadro della sua inchiesta congiunturale di giugno, non sono certo positive. Il 56% degli interpellati prevede nei prossimi mesi nuovi cali della domanda, mentre in giugno sono stati bassi sia i livelli di acquisizione di ordini (86% degli interpellati) che quelli di affluenza di visitatori nelle showrooms (88% degli interpellati). A cio' si aggiunge che il clima di fiducia degli operatori del settore auto determinato dal Centro Studi Promotor in giugno ha fatto registrare un calo di tre punti sul livello gia' molto depresso di maggio. Proiettando il risultato del primo semestre 2013 su base annua si ottiene un volume di immatricolazioni di 1.259.582 unita', un livello particolarmente basso e compatibile con i risultati degli anni ?70, cioe' di quarant?anni fa. Se sara' effettivamente questo il risultato delle immatricolazioni nel 2013, si registrera' un calo rispetto ai livelli ante-crisi, cioe' rispetto al 2007, del 49,5%. Si tratterebbe di una contrazione veramente con pochi riscontri in altri comparti dell?economia reale. L'auto appare fortemente frenata dal quadro economico e da una serie di fattori di freno specifici. Il settore si attende il rilancio soprattutto dalla ripresa dell'economia, ma la penalizzazione eccessiva della domanda giustificherebbe interventi sui fattori specifici di freno degli acquisti che sono il caro-carburanti, il caro-assicurazioni, le difficolta' del credito ed un livello di tassazione sull'acquisto e l'utilizzazione dell'automobile assolutamente vessatorio.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Valute
Effetto Trump sul dollaro, vicino ai minimi di due mesi con yen
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina