domenica 04 dicembre | 02:54
pubblicato il 01/apr/2014 18:09

Auto: Anfia, con immatricolazioni marzo prosegue ripresa mercato

(ASCA) - Roma, 1 apr 2014 - ''Un altro segnale di ripresa caratterizza il terzo mese dell'anno, proseguendo nel recupero avviato a dicembre 2013. Questo il commento di Roberto Vavassori, Presidente di ANFIA alla crescita delle immatricolazioni auto a marzo.

''L'ottimismo che potrebbero ispirare questi dati - aggiunge Vavassori - resta comunque cauto, se si considera che i volumi annualizzati sono ancora distanti da quelli fisiologici per il mercato italiano: nel primo trimestre 2014 le immatricolazioni registrate sono il 48,9% in meno rispetto a quelle del primo trimestre 2007''.

Per il presidente dell'Anfia ''se qualche premessa per ripartire comincia a delinearsi per un vero ritorno della domanda a livelli normalizzati per il nostro Paese, si fa pressante la necessita' di ridurre l'imposizione fiscale sull'utilizzo dell'autoveicolo, anche portando la deducibilita' delle auto aziendali in pari con quella degli altri maggiori Paesi europei. Una fiscalita', quella dell'autoveicolo, recentemente ancora aggravata da un aumento delle accise sui carburanti (di 0,24 Euro al litro), il decimo negli ultimi 5 anni''.

In sostanza - aggiunge -, pur acquistando e utilizzando meno l'auto, gli automobilisti continuano a pagare sempre di piu'.

Ma la ripresa passa anche dal rilancio dell'industria automotive, la cui centralita', nel nostro sistema economico, rimane indiscussa: basti pensare che nel 2013, la componentistica italiana e' riuscita a mantenere un trend crescente delle esportazioni (+5,7% rispetto al 2012), per un valore di 19,3 miliardi di Euro. Le nostre imprese, tuttavia, sono in difficolta' nel confronto con i competitor europei, a causa della disparita' di condizioni del sistema Italia rispetto agli altri Paesi. Ecco che, quindi, gli interventi sui temi del rilancio di competitivita', dell'internazionalizzazione, della ricerca e sviluppo e della riduzione dei costi dell'energia elettrica, - ha concluso il Presidente ANFIA - prioritari nell'agenda dei lavori della Consulta Automotive, insieme all'auspicato aumento dei volumi di produzione di autoveicoli sul territorio nazionale, sono fondamentali per farci recuperare il posto che ci spetta nella competizione europea e globale''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari