martedì 17 gennaio | 12:44
pubblicato il 01/lug/2014 18:06

Auto: Anfia, a giugno risale mercato ma volumi restano bassi

(ASCA) - Roma, 1 lug 2014 - Secondo i dati pubblicati oggi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, a giugno il mercato italiano dell'auto totalizza 127.489 immatricolazioni, pari al 3,8% in piu' rispetto a giugno dello scorso anno. Nel primo semestre 2014, i volumi immatricolati si attestano a 756.818 unita', il 3,3% in piu' rispetto al primo semestre 2013.

''La raccolta ordini positiva degli scorsi mesi ha riportato in rialzo le immatricolazioni a giugno, anche se con volumi non molto elevati - ha commentato Roberto Vavassori, Presidente di ANFIA. Si consideri, infatti, che il confronto avviene con un giugno 2013 che aveva totalizzato appena 122.815 unita', risultato mai cosi' basso, per questo mese, dal lontano 1978 (99.127 unita')''. Del resto - per Vavassori -, ''il ritmo di espansione dell'attivita' economica, in questo primo semestre dell'anno, e' stato modesto e continua ad essere condizionato dalle difficolta' di accesso al credito da parte delle imprese e dalla debolezza del mercato del lavoro. I comportamenti di spesa dei consumatori, quindi, continuano ad essere orientati alla prudenza, complici la crisi dei redditi e gli elevati costi legati al possesso e all'utilizzo dell'auto. Lo dimostrano i dati: nel periodo gennaio-maggio 2014, le vetture intestate a persone fisiche rappresentano solo il 59,3% di tutto l'immatricolato, pari a 2,7 punti in meno rispetto alla quota di un anno fa.

Le vetture intestate ad aziende (societa', leasing, noleggio, taxi) sono il 40,7%, il noleggio registra una crescita del 20% e una quota che passa al 23,6% dal 20,3% di un anno fa''.

Ribadiamo, quindi - ha concluso Vavassori - ''l'importanza di rendere piu' facile l'accesso al credito per chi desideri acquistare un'auto nuova e, riguardo al segmento delle auto aziendali, di favorire l'adeguamento della loro quota di mercato in Italia ai livelli degli altri maggiori Paesi europei, puntando su una maggiore detraibilita' dell'IVA e deducibilita' fiscale dei costi. Intanto, i dati a consuntivo del 2013, ci dicono che il parco circolante italiano continua ad invecchiare: l'eta' mediana, in aumento rispetto al 2012, e' arrivata a 12 anni e 2 mesi per le auto a benzina e a 7 anni e 7 mesi per le auto diesel''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Fca
Fca, Berlino: richiamare Jeep Renegade, Fiat 500 e Doblò
Conti pubblici
Conti pubblici: Ue chiede il conto, Italia tratta
Fca
Fca, Delrio: richieste Germania? A Italia non si danno ordini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Parigi, la protesta dei motociclisti "vintage" francesi
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Ciberfisica, al via sviluppo tecnologie per affidabilità sistemi
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Tempesta di neve in Tunisia: migliaia di auto intrappolate