sabato 10 dicembre | 20:17
pubblicato il 12/feb/2015 12:36

Aumento tassi Banca d'Inghilterra non prima di inizio 2016

Temporaneo indebolimento prezzi dovuto a caduta petrolio

Aumento tassi Banca d'Inghilterra non prima di inizio 2016

Roma, 12 feb. (askanews) - Slitta a inizio 2016 il primo possibile aumento dei tassi di interesse sulla sterlina britannica. Lo lascia intuire il governatore della Bank of England, Mark Carney, nella relazione periodica sull'inflazione inviata al Tesoro Gb. Al momento anche nel Regno si fanno sentire pressioni deflattive legate alla caduta dei prezzi del petrolio.

Si tratta comunque di una fase "temporanea" che va distinta da uno scenario di deflazione, secondo il banchiere centrale. Per quest'anno quindi niente aumenti sul costo del danaro in Gb, dove i tassi sono inchiodato al minimo storico dello 0,50 per cento fin dal 2009.

Sul mercato dei cambi la sterlina si rafforza sulle maggiori valute, salendo rispettivamente a 1,3522 euro e 1,3535 dollari a metà seduta.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina