venerdì 09 dicembre | 14:44
pubblicato il 15/ott/2015 14:01

Astaldi entra in Indonesia,realizzerà due dighe per idroelettrico

Progetto finanziato da World Bank, valore opere 234 mln dollari

Astaldi entra in Indonesia,realizzerà due dighe per idroelettrico

Roma, 15 ott. (askanews) - Il Gruppo Astaldi si è aggiudicato, in raggruppamento di imprese, due contratti per la realizzazione delle prime due fasi del Progetto Idroelettrico Upper Cisokan sull'Isola di Java, in Indonesia, del valore complessivo pari a 234 milioni di dollari, di cui il 30% in quota Astaldi.

L'ingresso di Astaldi - sottolinea la società in un comunicato - in Indonesia dà seguito alla strategia di diversificazione geografica delle attività del Gruppo delineata in sede di piano industriale e contribuisce al rafforzamento degli obiettivi di crescita di medio e lungo termine. Il progetto Upper Cisokan è tra i più importanti ad oggi in corso nel Paese nel settore idroelettrico ed è finanziato dalla World Bank.

Committente dell'iniziativa è PT PLN PERSERO, la Società pubblica che gestisce gli impianti energetici in Indonesia. Le opere saranno realizzate in joint venture con la coreana DAELIM (Società mandataria, in quota al 40%) e l'impresa locale WIKA (30%).

I contratti acquisiti prevedono la realizzazione di tutte le opere civili relative alla costruzione di due dighe, Lower Dam e Upper Dam (altezza pari rispettivamente a 75 e 98 metri), per un volume complessivo di 1.000.000 m3 di RCC (Roller Compacted Concrete). L'impianto garantirà di notte il sollevamento delle masse idriche tramite un sistema di pompaggio dalla Lower alla Upper Dam e di giorno la produzione di energia elettrica attraverso l'inversione del ciclo dei flussi d'acqua. La potenza installata è prevista pari a 1.040MW e completano l'opera i sistemi di presa e adduzione, 6 chilometri di gallerie (diametro fino a 10 metri), una centrale in caverna (26 metri di larghezza, 51 metri di altezza, 156 metri di lunghezza), le opere di ventilazione e una sottostazione elettrica. I lavori sono da eseguire in 50 mesi, con avvio nei primi mesi del 2016.

Il GRUPPO ASTALDI è uno dei principali General Contractor in Italia e tra i primi 22 a livello europeo nel settore delle costruzioni, in cui opera anche come promotore di iniziative in project financing. Attivo da 90 anni a livello internazionale, si propone al mercato sviluppando iniziative complesse e integrate nel campo della progettazione, realizzazione e gestione di infrastrutture pubbliche e grandi opere di ingegneria civile, prevalentemente nei comparti delle infrastrutture di trasporto, degli impianti di produzione energetica, dell'edilizia civile ed industriale e dell'impiantistica. È quotato in Borsa dal 2002 e si colloca all'85° posto nelle classifiche dei Contractor a livello mondiale. Ha chiuso l'esercizio 2014 con un portafoglio ordini totale di 28 miliardi di euro e un fatturato di 2,7 miliardi ed è attivo con più di 10.300 dipendenti in Italia, Europa Centrale (Polonia, Romania, Russia), Turchia, Middle East (Arabia Saudita), Africa (Algeria), America del Nord (Canada, USA) e America Latina (Perù, Cile, America Centrale e Venezuela).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Lungarotti, Cantine aperte a Natale
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina