sabato 10 dicembre | 10:50
pubblicato il 14/nov/2015 12:25

Assopopolari, Sforza Fogliani: la politica deve tutelarci

"Piena adesione alla presa di posizione del presidente Abi"

Assopopolari, Sforza Fogliani: la politica deve tutelarci

Roma, 14 nov. (askanews) - La presa di posizione del presidente dell'Abi Antonio Patuelli "merita piena e incondizionata adesione". Il presidente di Assopopolari, Corrado Sforza Fogliani, apprezza le parole del numero uno dell'Abi che in una intervista a La Stampa annuncia una raffica di ricorsi e denunce se l'Unione Europea vieterà il salvataggio di Carife, Pop Etruria, Banca Marche e CariChieti tramite il Fondo Interbancario di tutela dei depositi.

"L'Italia ha il diritto di pretendere che le banche italiane - continua Sforza Fogliani - nell'ambito della libera concorrenza su basi paritarie, non abbiano trattamenti discriminatori".

Il presidente di Assopopolari lancia un appello alla politica. "La politica deve intervenire - afferma ad askanews - non si capisce perché all'estero finanziamenti pubblici alle banche non sono stati considerati aiuti di Stato mentre in Italia l'intervento con risorse private sarebbe un aiuto di Stato".

Sforza Fogliani ricorda che il mondo del credito italiano ha affrontato la durissima crisi finanziaria esplosa nel 2008 senza aiuti da parte dello Stato. "Le banche italiane non hanno avuto bisogno di aiuti di Stato a differenza di quanto è avvenuto in paesi come Francia, Germania e Spagna". Per il presidente di Assopopolari l'Italia non si è mossa in ritardo rispetto ad altri paesi come la Spagna che ha costituito la bad bank rapidamente. "Ripeto, le banche italiane hanno superato la fase acuta della crisi senza la necessità di aiuti pubblici". "Oggi molte sofferenze - continua il presidente di Assopopolari - sono la conseguenza della crisi del 2008. Le banche private chiedono di poter intervenire con oltre 2 miliardi di euro e non si capisce perché l'Unione Europea abbia da ridire".

Infine le norme sul bail-in dopo l'ultimo via libera del governo per l'entrata in vigore a inizio dell'anno prossimo. "E' uno strumento che è bene che sia previsto - commenta Sforza Fogliani - ma ritengo che sia incostituzionale. Il coinvolgimento di correntisti e obbligazionisti è contrario alla costituzione che protegge il risparmio".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Cambi
L'euro continua a calare dopo le mosse Bce, sotto 1,06 dollari
Latte
Mipaf: per latte e formaggi origine obbligatoria in etichetta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina