domenica 11 dicembre | 04:07
pubblicato il 29/lug/2014 15:59

AssoBirra: nel 2013 mercato fermo, persi 8 mila posti lavoro

(ASCA) - Roma, 29 lug 2014 - Il 2013 segna il passo con un mercato della birra che si conferma piatto. Risultato migliore rispetto a quello del mercato alimentare, che ha registrato un calo dei consumi del -4%. Un equilibrio che appare, pero', fatto di luci e ombre. Se da un lato i consumi di birra in Italia crescono di un +0,3% la produzione scende del -0,3%. Ma il dato che preoccupa di piu' AssoBirra e' quello occupazionale: il 2013 registra una perdita di 8mila posti di lavoro tra diretti e indotto, per un totale di occupati passati da 144mila a 136mila (-5,6%). Una situazione, quella occupazionale, che rischia anche di peggiorare. L'aumento delle accise, deciso dal Governo nell'autunno scorso e scattato il 10 ottobre 2013 e il 1* gennaio 2014, secondo lo studio REF Ricerche rischia di avere un effetto negativo sui posti di lavoro. Ora AssoBirra e' impegnata per fermare l'ultimo aumento previsto il 1* gennaio 2015, che se dovesse scattare porterebbe ad un aumento generale dell'accisa del 30% in pochi mesi. Come sottolinea, Tommaso Norsa, neo-eletto presidente di AssoBirra: ''L'anno appena concluso ci ha regalato risultati migliori di quanto sperato, soprattutto se confrontati col resto del mercato alimentare, ma anche uno scenario a forte rischio stabilita' considerando l'aumento delle accise in atto. Sta cambiando lo scenario generale e questo colpisce tutta la filiera, come dimostrano il calo dell'occupazione, il fatto che nei primi mesi del 2014 sia diminuito il numero di aperture di micro birrifici, oltre al fatto che si consuma birra sempre piu' in casa e sempre meno fuori, privilegiando peraltro prodotti a basso costo rispetto ai segmenti top. Avvertiamo una contrazione della fiducia nell'investimento nel settore e questo deve far riflettere, perche' si stima che 1 posto di lavoro nel mondo della birra ne generi 24,5 nell'ospitalita' (bar, ristoranti, alberghi), 1 nell'agricoltura, 1,3 nella supply chain (imballaggio, logistica, marketing e altri servizi) e 1,2 nella distribuzione (GDO e dettaglio). Credo sia giusto, soprattutto in questa fase, tutelare questo settore e aiutarlo a crescere''. did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina