domenica 04 dicembre | 11:47
pubblicato il 12/ago/2014 15:48

Art.18, Fisac Cgil: Renzi non si faccia dettare regole da Alfano

Per la Fisac Cgil il Paese ha bisogno di piu' crescita e non di meno art.18.

(ASCA) - Roma, 12 ago 2014 - ''ll Paese ha bisogno di piu' crescita e non di meno art18, ed e' bene che il Presidente del Consiglio non si faccia dettare la linea dal ministro Alfano che sull'articolo 18 sbaglia due volte''. Lo afferma Agostino Megale, segretario generale della Fisac Cgil.

''Il Ministro dell'Interno sbaglia - prosegue Megale - perche' l'articolo 18 e' gia' stato modificato in senso restittivo nel 2012 dalla riforma Fornero e, come dimostrano ampiamente i dati, quel provvedimento non ha creato nemmeno un posto di lavoro in piu', anzi. Il tasso di disoccupazione ha continuato a crescere e in particolare la disoccupazione giovanile ha raggiunto livelli mai toccati in precedenza''. ''In secondo luogo - prosegue Megale -, perche' il Paese, al settimo anno di crisi e con la crescita ferma allo zero, non ha bisogno dello scontro ideologico che sta inseguendo il ministro Alfano per una sua propria visibilita', ma di un Piano serio e rigoroso del Governo per la crescita e gli investimenti, affinche' si rilanci l'economia e si crei nuovo lavoro per dare cosi' risposte concrete e vere ai giovani e ai disoccupati''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari