lunedì 23 gennaio | 00:00
pubblicato il 01/ago/2014 08:58

Argentina: Kirchner minimizza default. Anche Dbrs segue Fitch

(ASCA) - Roma, 1 ago 2104 - Nella sua prima apparizione pubblica da quando, mercoledi', l'Argentina non e' riuscita a trovare un accordo sul debito con un gruppo di hedge fund, il presidente Cristina Fernandez Kirchner e' tornata a minimizzare l'importanza del default in cui Buenos Aires e' caduta per la seconda volta in 13 anni. Le principali agenzie di rating, Fitch e Moody's, hanno ''bocciato'' il Paese sudamericano. Poi e' toccato a Dbrs, altra agenzia di rating che ha declassato il merito di credito del paese sudamericano da CC a SD, cioe' default selettivo. Buenos Aires ha fatto capire di essere ancora disposta a trattare con i cosiddetti creditori ''holdout'', il gruppo di hedge fund appunto che chiede di essere rimborsato per i debiti su cui il Paese sudamericano e' andato in default nel 2001. Nml Capital, divisione di Elliott Management, e Aurelius Capital Management, infatti, non sottoscrissero le ristrutturazioni del debito avvenute nel 2005 e 2010. Parlando giovedi' notte (ora italiana), il presidente Kirchner ha dichiarato: ''E' il 31 luglio e la fine del mondo non c'e' stata''. red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4