venerdì 24 febbraio | 03:31
pubblicato il 28/ago/2014 12:00

Appello di Guidi agli imprenditori: basta licenziamenti

"Bisogna salvare lavoro". Art. 18? "Norme datate vanno cambiate"

Appello di Guidi agli imprenditori: basta licenziamenti

Roma, 28 ago. (askanews) - "Quello che vorrei fare è un appello agli industriali: chi ha i bilanci in ordine deve fare il possibile per mantenere i livelli occupazionali. Bisogna salvare il lavoro, non licenziare. Il mio è un appello alla responsabilità sociale degli imprenditori". A lanciare l'appello è il ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi, in un'intervista a Repubblica. Sul suo tavolo del ministero guidato dall'ex numero uno degli under 40 di Confindustria, ci sono circa 160 dossier di crisi industriali che riguardano oltre 155 mila lavoratori. Quanto ad un possibile intervento sull'articolo 18, caldeggaiato in passato, Guidi ha spiegato: "La mia è un'opinione strettamente personale. Ho sempre detto che maggiore flessibilità in entrate e in uscita sia buona e giusta. Il mon- do è cambiato e si possono cambiare norme ormai datate".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
Mps
Mps, Ft: Bruxelles e Bce divise sul salvataggio
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech