martedì 21 febbraio | 22:23
pubblicato il 06/apr/2016 17:43

Appalti, Tomasi (F. Inarcassa): testo riforma deludente e negativ

C'è il rischio che non cambi nulla rispetto al passato

Appalti, Tomasi (F. Inarcassa): testo riforma deludente e negativ

Roma, (askanews) - La Fondazione Inarcassa, la cassa di architetti e ingegneri che svolgono la professione da liberi professionisti, è molto critica sul testo del nuovo Codice degli appalti. Ne parliamo con il presidente della Fondazione, Andrea Tomasi, che ne evidenzia le criticità:

"Devo dire che dopo un apprezzamento notevole ed esplicito in tutte le sedi, quello del testo emanato dal Parlamento della legge delega, dobbiamo putroppo rilevare che il testo, così come oggi approvato dal Consiglio dei ministri di riscrittura del Codice degli appalti onestamente lo riteniamo deludente se non negativo. Però purtroppo quei temi fondamentali in cui si definiva il futuro dei lavori pubblici in Italia, cioé la qualità del progetto, progetti fatti bene, costi certi, tempi certi, con questo Codice, a nostro avviso, non c'è molto. Non c'è quasi nulla che possa garantire queslli che erano gli obiettivi iniziali, diciamo apparentemente o comunque dichiarati inderogabili".

"Quali sono i rischi se la norma dovesse rimanere così com'è?".

"Essere i pessimisti di turno è sempre antipatico in situazioni di questo tipo, ma a nostro avviso il rischio maggiore è che non cambi un granché. Cioé: si è fatto tutto questo sforzo, c'è stata una forte e intensa attività alla ricerca di migliorare sensibilmente il mondo degli appalti pubblici, ma così come oggi è manifestata la norma riteniamo che non ci sono queste novità e questa capacità di migliorare sensibilmente quelli che sono gli aspetti salienti dei lavori pubblici e soprattutto i suoi punti critici".

"A questo punto cosa chiedete al Governo?".

"Che riveda akcune posizioni. Alcune poi sono proprio inaccettabili. Non è un fatto sindacale quello che sto dichiarando, ma è un fatto proprio operativo. Per avere qualità di progetto ci devono essere risorse adeguate, tempi adeguati. Per questo non si può sostanzialmente mettere su piani assolutamente non controllati tutte le fasi della progettazione, ma poi direi della realizzazione".

Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia