martedì 24 gennaio | 14:33
pubblicato il 06/apr/2016 17:43

Appalti, Tomasi (F. Inarcassa): testo riforma deludente e negativ

C'è il rischio che non cambi nulla rispetto al passato

Appalti, Tomasi (F. Inarcassa): testo riforma deludente e negativ

Roma, (askanews) - La Fondazione Inarcassa, la cassa di architetti e ingegneri che svolgono la professione da liberi professionisti, è molto critica sul testo del nuovo Codice degli appalti. Ne parliamo con il presidente della Fondazione, Andrea Tomasi, che ne evidenzia le criticità:

"Devo dire che dopo un apprezzamento notevole ed esplicito in tutte le sedi, quello del testo emanato dal Parlamento della legge delega, dobbiamo putroppo rilevare che il testo, così come oggi approvato dal Consiglio dei ministri di riscrittura del Codice degli appalti onestamente lo riteniamo deludente se non negativo. Però purtroppo quei temi fondamentali in cui si definiva il futuro dei lavori pubblici in Italia, cioé la qualità del progetto, progetti fatti bene, costi certi, tempi certi, con questo Codice, a nostro avviso, non c'è molto. Non c'è quasi nulla che possa garantire queslli che erano gli obiettivi iniziali, diciamo apparentemente o comunque dichiarati inderogabili".

"Quali sono i rischi se la norma dovesse rimanere così com'è?".

"Essere i pessimisti di turno è sempre antipatico in situazioni di questo tipo, ma a nostro avviso il rischio maggiore è che non cambi un granché. Cioé: si è fatto tutto questo sforzo, c'è stata una forte e intensa attività alla ricerca di migliorare sensibilmente il mondo degli appalti pubblici, ma così come oggi è manifestata la norma riteniamo che non ci sono queste novità e questa capacità di migliorare sensibilmente quelli che sono gli aspetti salienti dei lavori pubblici e soprattutto i suoi punti critici".

"A questo punto cosa chiedete al Governo?".

"Che riveda akcune posizioni. Alcune poi sono proprio inaccettabili. Non è un fatto sindacale quello che sto dichiarando, ma è un fatto proprio operativo. Per avere qualità di progetto ci devono essere risorse adeguate, tempi adeguati. Per questo non si può sostanzialmente mettere su piani assolutamente non controllati tutte le fasi della progettazione, ma poi direi della realizzazione".

Gli articoli più letti
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Lavoro
Confindustria: dal 2014 occupazione cresce ma si ferma a metà 2016
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4