sabato 03 dicembre | 01:23
pubblicato il 15/apr/2014 17:51

Ansaldo Sts: dobbiamo diventare più grandi per contratti migliori

Parla De Luca, presidente dell'azienda e direttore Finmeccanica

Ansaldo Sts: dobbiamo diventare più grandi per contratti migliori

Genova (askanews) - "Ansaldo Sts è inadeguata in termini dimensionali. Dobbiamo diventare più grandi per prendere contratti di dimensioni più grandi, nell'ordine dei 7 o 800 milioni di euro". Lo ha affermato il presidente di Ansaldo Sts e direttore generale di Finmeccanica, Sergio De Luca, durante l'assemblea degli azionisti di Ansaldo Sts."Questa società -ha ribadito De Luca- deve far parte di un grande gruppo. Dobbiamo essere grandi, far parte di un gruppo radicato nei mercati, presente e autorevole, in quei mercati dove l'Italia e l'Europa sono marginali"."Da ultimo -ha aggiunto il presidente di Ansaldo Sts- dobbiamo avere un accesso più stabile e consistente di quello che ci ha assicurato fino ad ora Ansaldo Breda, che ci ha consentito di vincere gare importanti e si è sempre dimostrato un partner molto affidabile ma messi insieme non siamo abbastanza grandi per partecipare a alcune gare".

Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari