martedì 21 febbraio | 07:15
pubblicato il 26/set/2013 17:27

Anie/Assifer: no a taglio 300 mln per investimenti rete ferroviaria

(ASCA) - Roma, 26 set -Anie/Assifer si oppone al taglio di 300 milioni di euro di investimenti per la manutenzione della rete ferroviaria disposto dal Governo con il recente Decreto Legge n*102 del 31 agosto 2013. Tale Decreto, relativo alla cancellazione dell'IMU, prevede infatti tagli significativi alla spesa nel settore ferroviario come misura di copertura finanziaria. Lo comunica una nota dell'associazione.

L'Associazione, che rappresenta l'industria ferroviaria nazionale, a cui aderiscono oltre 100 aziende di grandi, medie e piccole dimensioni, chiede con fermezza all'Esecutivo di eliminare tale disposizione in sede di conversione del Decreto in Legge, cio' per garantire le necessarie attivita' di manutenzione alla rete ferroviaria e sostenere la ripresa del settore.

Il taglio di spesa appare particolarmente preoccupante, in quanto abbatte le risorse destinate alla manutenzione della rete ferroviaria di circa il 30%. Il provvedimento rappresenta inoltre un grave pericolo per la salute del comparto, gia' in difficolta': una contrazione degli investimenti di questa portata avra' inevitabilmente ripercussioni importanti nel settore. Sono a rischio di chiusura infatti molte aziende dell'industria ferroviaria, i cui effetti avranno conseguenze in termini occupazionali e sociali per i circa 3.000 addetti e per le loro famiglie.

Il provvedimento e' in netta contraddizione con gli intenti espressi nel precedente Decreto Del Fare che autorizzava la contrattualizzazione degli interventi per la sicurezza ferroviaria immediatamente cantierabili per l'importo, appunto, di 300 milioni di euro. Secondo Assifer appare del tutto anacronistico promuovere il rilancio della produttivita' del Sistema Italia accompagnandolo a tagli agli investimenti sulle infrastrutture strategiche per il Paese, come la rete ferroviaria.

''Pur comprendendo le finalita' di contenimento della spesa e la necessita' di copertura della riduzione del peso fiscale sui cittadini - ha dichiarato Maurizio Manfellotto, Presidente di Assifer - non possiamo non rilevare che tagliare gli investimenti alle attivita' di manutenzione della rete ferroviaria significa inevitabilmente un pesante passo indietro nel campo della evoluzione del sistema di trasporto su rotaia italiano, da sempre all'avanguardia nel mondo in termini di affidabilita'. La riduzione degli stanziamenti - sottolinea Manfellotto - non potra' non pesare anche sul servizio stesso e, dunque, sull'impatto verso i passeggeri. Le ricadute del Decreto Legge in oggetto sono critiche e renderanno necessarie spese ancora piu' ingenti e rilevanti in futuro per la manutenzione della stessa rete ferroviaria''.

com/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia