giovedì 19 gennaio | 12:21
pubblicato il 10/lug/2014 18:13

Anie Rinnovabili: bene richiesta Confindustria su spalma-incentivi

(ASCA) - Roma, 10 lug 2014 - Anie Rinnovabili plaude all'intervento di Confindustria che richiede di emendare in sede di conversione l'art. 26 del Decreto 91/2014 sulla rimodulazione della componente A3 delle tariffe elettriche, l'ormai noto ''spalma-incentivi' delle energie rinnovabili.

La proposta - informa un comunicato - rispecchia a pieno quanto richiesto da ANIE Rinnovabili e prevede la riduzione del peso degli oneri nel breve e medio periodo e il suo incremento, invece, nel lungo termine, in concomitanza con la cessazione del diritto agli incentivi che ridurra' drasticamente gli oneri previsti dalla normativa oggi in vigore. Al GSE sara' affidato il compito di ricorrere ad una raccolta di risorse sul mercato finanziario, il cui ammontare sara' fissato annualmente dal Ministro dello Sviluppo Economico sulla base dei trend economici e della differenza di prezzo dell'energia elettrica tra Italia e altri Paesi europei. Su tali risorse sarebbero pagati, attraverso la componente A3 della bolletta, i soli interessi annuali e, a scadenza, il capitale. ''Come Anie Rinnovabili siamo soddisfatti del supporto di Confindustria, che ha condiviso le istanze del settore presentando la proposta del bond su cui c'eravamo confrontati nelle settimane scorse e che rappresenta una soluzione alternativa assolutamente efficace'' commenta Emilio Cremona, Presidente di Anie Rinnovabili. ''Si tratta infatti - continua Cremona - di un'azione importante che incide sulla componente A3 della bolletta senza ricadere sul Bilancio dello Stato.'' ''La retroattivita' del provvedimento disegnato dal Mise, lo ribadiamo, e' inaccettabile. Auspico quindi - conclude Cremona - che i legislatori accolgano le richieste di Confindustria, poiche' l'attuale proposta del Governo per abbassare il costo della bolletta elettrica rischia di diventare un boomerang per tutto il Sistema Paese, allontanando anche quegli investitori italiani e stranieri che hanno in questi giorni espresso la loro forte preoccupazione per gli investimenti gia' fatti, per i quali temono di vedere compromesso il rendimento''.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Valute
Effetto Trump sul dollaro, vicino ai minimi di due mesi con yen
Netflix
Netflix, record di abbonati nel 4 trimestre, anche fuori dagli Usa
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio, Vega si prepara al primo lancio dell'anno con Sentinel-2B
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina