domenica 22 gennaio | 11:10
pubblicato il 16/apr/2014 12:32

Anie Confindustria: modificare regolamento su Codice appalti pubblici

(ASCA) - Roma, 16 apr 2014 - ANIE Confindustria nel corso dell'audizione alla Commissione lavori pubblici in Senato ha presentato una proposta di emendamento all'articolo 12 del DL 47/2014, riguardante la qualificazione per l'esecuzione di lavori pubblici. Da mesi la Federazione si batte per difendere la specializzazione delle aziende ANIE nel settore elettrotecnico ed elettronico, messa in pericolo dal recepimento del parere del Consiglio di Stato n. 3014/2013, che ha abrogato gli articoli 107, comma 2, e 109, comma 2, nonche' il relativo Allegato A del Regolamento di esecuzione ed attuazione del Codice dei contratti pubblici.

''Queste due disposizioni rappresentano i due pilastri su cui si e' sempre basato il sistema di qualificazione dei lavori pubblici - ha dichiarato il direttore generale di ANIE Confindustria, Maria Antonietta Portaluri - Appare necessario salvaguardare il principio, che permea tutto il sistema della contrattualistica pubblica, secondo cui chi esegue le prestazioni in oggetto di affidamento deve essere adeguatamente specializzato in tale attivita', e quello che obbliga a costituire un raggruppamento temporaneo verticale di imprese in presenza di lavorazioni c.d.

super-specialistiche. Dalla piena attuazione di tali principi dipende la tenuta di un vasto tessuto di imprese, in maggioranza di piccole e medie dimensioni, che nel corso degli anni hanno acquisito altissimi livelli di specializzazione''.

''Nell'attuale formulazione dell'articolo 12 del DL 47/2014 si evidenzia una grave criticita' - prosegue Portaluri - laddove questo indica nei soli parametri della rilevante complessita' tecnica e del notevole contenuto tecnologico i principi sulla base dei quali l'emanando decreto ministeriale dovra' stabilire quali delle lavorazioni contenute nell'Allegato A saranno a qualificazione obbligatoria. Tali criteri coincidono, infatti, con quelli previsti dal Codice dei contratti pubblici (art. 37, comma 11) per individuare le lavorazioni a qualificazione obbligatoria di natura super-specialistica. A tali criteri andrebbero poi necessariamente aggiunti quelli relativi alla sicurezza strutturale e alla sicurezza impiantistica''.

''Abbiamo voluto dare una risposta concreta a questa situazione di stallo con una proposta di emendamento al DL 47/2014 che abbiamo presentato in sede di audizione - conclude Portaluri -. Il testo e' stato ispirato proprio dal principio della salvaguardia del principio di specializzazione, in base al quale il Decreto, che dovra' essere emanato dal Ministero delle Infrastrutture, dovra' individuare le categorie a qualificazione obbligatoria. E' importante, infine, sottolineare che tale decreto dovra' avere carattere transitorio: la vera soluzione a questa situazione dovra' essere trovata di concerto con tutte le parti in causa, aziende specializzate comprese''.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4