domenica 19 febbraio | 20:51
pubblicato il 17/set/2014 12:00

Angeletti: se si tocca art. 18 reagiremo, sciopero o referendum

"Vedremo decreti attuativi, non restermo inerti"

Angeletti: se si tocca art. 18 reagiremo, sciopero o referendum

Reggio Calabria, 17 set. (askanews) - Se ci sarà un intervento sull'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori la Uil reagirà, mettendo in campo tutte le opzioni sul tavolo: dallo sciopero fino al referendum abrogativo. Lo ha detto il segretario generale Luigi Angeletti a margine del congresso dei metalmeccanici della Uilm. Parlando dell'emendamento alla delega lavoro presentato dal Governo, il leader della Uil ha sottolineato che si tratta di "una delega abbastanza generale, vedremo se diventerà legge e come si tramuterà nei decreti attuativi. Sono convinto che dell'articolo 18 nei prossimi mesi non se ne parlerà". Tuttavia, il Governo "deve far vedere che fa qualcosa" e se sarà toccato l'articolo 18 "il sindacato però non resterà inerte - ha affermato Angeletti - non ci pensiamo proprio". Se quindi l'emendamento del Governo dovesse diventare legge "faremo qualcosa - ha concluso - vedremo cosa, ma non resteremo inerti. Sul tavolo ci sono tutte le opzioni, dallo sciopero al referendum abrogativo. Vedremo quale sarà quella più proficua. Dipenderà dal tipo di norma e quanto è pericolosa".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia