lunedì 05 dicembre | 03:38
pubblicato il 09/lug/2013 18:13

Anci: Confcooperative, fare fronte comune contro aumento Iva

(ASCA) - Roma, 9 lug - ''Fare fronte comune contro l'aumento dell'IVA, dal 4% al 10%, sui servizi socio sanitari ed educativi, resi da cooperative sociali e loro consorzi a persone svantaggiate''. Questo il senso della lettera inviata da Giuseppe Guerini, portavoce dell'Alleanza delle Cooperative Sociali, al neo presidente dell'Anci Piero Fassino.

''In queste settimane - aggiunge Guerini - si discute molto e, giustamente, di evitare l'aumento dell'Iva dal 21% al 22%, ma nessuno si sta adoperando per sventare quanto e' stato previsto, con molta superficialita', dalla legge di stabilita' 2013 che lascera' senza servizi oltre 500.000 cittadini (anziani, persone svantaggiate, minori) e senza lavoro oltre 40.000 persone''.

''Il paradosso, infatti - evidenzia Guerini - e' che non vi sara' alcun recupero di gettito dal momento che l'Iva la verseranno i Comuni che si vedranno costretti a ridurre del 6% le prestazioni di welfare territoriale oggi garantite.

Risultato di questa cervellotica operazione di tecnocrazia contabile sara' che nel 2014, con le medesime risorse, i Comuni forniranno meno servizi sociali alle fasce piu' deboli della popolazione''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari