martedì 17 gennaio | 18:52
pubblicato il 24/set/2014 15:25

Anche Francia divisa sul lavoro:nel mirino 35 ore e salario minimo

Industriali vogliono anche taglio feste. Sindacati:"Provocazione" (ASCA) - Roma, 24 set 2014 - Due feste comandate in meno e revisione su due capisaldi del diritto del lavoro in Francia: il salario minimo garantito e le 35 ore. Mentre in Italia ci si divide sull'articolo 18, oltralpe si profila un dibattito altrettanto acceso sulle proposte dall'equivalente francese di Confindustria, il Medef. L'obiettivo e' quello di creare "un milione di posti di lavoro" da qui al 2020, ha affermato il presidente dell'associazione Pierre Gattaz. I sindacati, gia' sul piede di guerra, parlando di "provocazione". Alcuni economisti invece hanno espresso scetticismi sull'efficacia di alcune delle misure delineate.

Ma intanto il dibattito e' innescato. "Mettiamo delle proposte sul tavolo in maniera costruttiva", ha detto Gattaz. E usando frasi che somigliano molto alla dialettica che si sente in Italia, ha chiesto di "discutere senza tabu'", avvertendo che "la cultura dell'opposizione sistematica che conosciamo nel nostro Paese ci sta facendo sprofondare nell'abisso".

Il primo bersaglio del Medef e' il minimo garantito nelle retribuzioni orarie, in base allo "Smic" (salaire minimum interprofessionnel de croissance) introdotto in Francia fin dagli anni '50. Prevede anche un meccanismo di adeguamento annuo alla crescita del costo della vita. Secondo gli industriali finisce per costare alle imprese 1.700-1.750 euro al mese su un neo assunto. E per questo chiedono contratti transitori, esclusi dallo Smic, che consentano assunzioni a costi piu' bassi.

Poi c'e' il tema delle 35 ore, da sempre magnete di polemiche in Francia. Il Medef chiede di rivedere questo limite "tenendo conto della diversita' tra le varie situazioni, dei settori di attivita' e consentire di definire l'orario di lavoro tramite contrattazioni a livello di impresa".

Infine gli industriali chiedono di abolire due degli 11 giorni giorni di festivita' l'anno, affermando che da sola questa misura basterebbe a creare 100.000 posti di lavoro. Il calcolo e' piuttosto semplice: due feste in meno sono 1,2 giorni lavorativi in piu' l'anno, che secondo i calcoli del Medef valgono lo 0,9 per cento del Pil ovvero 100mila posti di lavoro. Ma piu' che semplice secondo alcuni economisti e' un calcolo semplicistico: la cadenza produttiva, avvertono, viene organizzata dalle imprese anche in base alle festivita', quindi buona parte dell'aumento teorico di prodotto con 1,2 giorni di lavoro in piu' risulterebbe inesistente.

Quanto alle revisioni di Smic e 35 ore i sindacati hanno subito riposto con toni duri. Il segretario della Cgt Thierry Lepanon parla di "pericoloso arretramento sociale. Sarebbe ora che i datori di lavoro tornassero a ragionare e la smettessero con le provocazioni".

Anche il Cfe-Cgc, un altro sindacato francese, ha parlato di provocazione, e di "continuo gioco al rialzo". In piu' "bisogna uscire da questa caricatura" di imprenditoria. Il Medef "ha ricevuto 41 miliardi di euro di aiuti supplementari presi dalle tasche dei contribuenti". Ma dei posti di lavoro previsti nel cosiddetto Patto di responsabilita' "non ne abbiamo visto nemmeno uno".

Intanto in Francia la disoccupazione supera il 10 per cento, secondo lo stesso Medef e' all'11 per cento e anche con un milione di posti in piu' la sua riduzione sarebbe limitata a due punti percentuali, al 9 per cento. Secondo i dati ufficiali il numero di disoccupati totali ha quasi raggiunto quota 3 milioni e mezzo. Ed e' un fattore che ha contribuito alla recente revisione al ribasso delle previsioni di crescita economica del governo, ad un mesto 0,4 per cento su quest'anno.

Voz

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa