sabato 03 dicembre | 06:19
pubblicato il 22/gen/2013 12:41

Ance: Buzzetti, nei primi 9 mesi 2012 record fallimenti imprese

(ASCA) - Roma, 22 gen - Sono dati sempre piu' allarmanti quelli analizzati dall'Ance a inizio 2013. L'emorragia di posti lavoro non si arresta ed e' ormai arrivata a colpire anche le strutture imprenditoriali piu' solide. L'assenza dei pagamenti da parte della PA, la restrizione del credito oltre alla cronica, ormai, mancanza di lavoro stanno riducendo allo stremo un settore che prima della crisi pesava l'11 % del Pil con circa 3 milioni di addetti considerando l'indotto.

''La crisi del settore delle costruzioni ha raggiunto livelli tali che rischia di trascinare l'economia italiana nel baratro: l'agenda politica e il prossimo Governo devono tenerne conto'', afferma il presidente dell'Ance, Paolo Buzzetti, che si rivolge ai candidati premier perche' affrontino l'emergenza economica legata al settore. Ad allarmare sono i nuovi dati sui fallimenti di impresa che nei primi nove mesi del 2012 hanno raggiunto la cifra record di 9500, destinata ancora crescere. Si tratta di un incremento del 25,3% rispetto al 2009. Record negativo anche per la disoccupazione. I senza lavoro nelle costruzioni sono ormai 360 mila, circa 550mila se si considera l'indotto. Una situazione che rischia di peggiorare ulteriormente nei prossimi mesi se non si metteranno subito in campo interventi utili ad arrestare il declino. Interventi e proposte che l'Ance illustrera' nelle prossime settimane ai candidati premier delle principali forze politiche in campo che hanno accettato di partecipare a un incontro con i vertici dell'Associazione nazionale costruttori edili. In quell'occasione il Presidente Buzzetti consegnera' ai leader politici un documento con le principali misure da prendere subito per risollevare l'economia: investimenti mirati, riduzione del costo del lavoro, pagamento delle imprese, riattivazione del circuito del credito, nuovo patto di stabilita', revisione della tassazione degli immobili (la casa e' il bene piu' tassato d'Italia!!), apertura del mercato e piu' semplificazioni.

Ma non manca anche un riferimento alle strategie per il futuro delle quali il Piano citta', con un programma di investimenti per la rigenerazione urbana e la messa in sicurezza degli edifici, e' il punto centrale.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari