giovedì 19 gennaio | 01:55
pubblicato il 10/lug/2013 19:41

Ambiente: Federambiente, imprese settore investono oltre 1 mld anno

(ASCA) - Roma, 10 lug - Oltre un miliardo di euro annui in investimenti nonostante la crisi: e' questo il ritmo sostenuto dalle imprese italiane d'igiene ambientale nel corso degli ultimi anni nonostante la stretta creditizia e l'incertezza normativa che rendono difficili sia la pianificazione degli investimenti sia il reperimento delle risorse finanziarie. E' questo uno dei dati che hanno accompagnato la riflessione che si e' sviluppata oggi a Roma nel corso della 57a assemblea generale di Federambiente alla quale e' intervenuto il ministro dell'Ambiente, Andrea Orlando.

Una riflessione a piu' voci che ha messo in evidenza quanto il sistema di gestione dei servizi d'igiene ambientale abbia bisogno di un Piano nazionale dei rifiuti che accompagni, in un quadro di certezze normative, anche in materia di lavoro, e delle fonti di finanziamento (a partire dal superamento della Tares), la costruzione e l'irrobustimento di un sistema industriale maturo dei rifiuti.

Con queste condizioni - e' emerso dalla discussione - il sistema delle imprese d'igiene ambientale e' pronto a confermare i livelli d'investimento degli anni passati (1,170 miliardi di euro nel 2010, +8,9% rispetto al 2009) e sarebbe cosi' messo in grado di offrire su tutto il territorio nazionale quei servizi efficienti, di livello europeo, ambientalmente ed economicamente sostenibili che i cittadini e gli enti locali giustamente richiedono.

Richieste alle quali il ministro ha risposto positivamente, in particolare condividendo la proposta di una Conferenza nazionale del settore in vista della messa a punto del Piano nazionale dei rifiuti: ''Un'occasione - ha precisato il responsabile dell'Ambiente - per affrontare i temi del superamento delle emergenze, della programmazione di lungo periodo e delle politiche per lo sviluppo industriale del settore''. Il ministro si e' detto d'accordo anche con la necessita' di una ''profonda modifica'' della Tares, auspicando che il tema venga sganciato dal dibattito su IMU e IVA.

''Confidiamo che governo e Parlamento - ha affermato il presidente di Federambiente, Daniele Fortini, aprendo i lavori dell'assemblea - condividano un percorso che assecondi lo sviluppo di un sistema virtuoso di gestione dei rifiuti italiani. Ci basterebbe una chiara e semplice normativa di settore, una tariffa commisurata all'effettiva virtuosita' delle raccolte e del recupero a risorsa dei rifiuti, regole applicabili, i cui effetti siano misurabili senza imbrogli.

L'obiettivo piu' urgente del sistema Paese dev'essere il superamento delle discariche. E' alla nostra portata, dobbiamo mirarlo bene e usare strumenti efficaci per raggiungerlo''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina