domenica 11 dicembre | 13:07
pubblicato il 10/lug/2013 19:41

Ambiente: Federambiente, imprese settore investono oltre 1 mld anno

(ASCA) - Roma, 10 lug - Oltre un miliardo di euro annui in investimenti nonostante la crisi: e' questo il ritmo sostenuto dalle imprese italiane d'igiene ambientale nel corso degli ultimi anni nonostante la stretta creditizia e l'incertezza normativa che rendono difficili sia la pianificazione degli investimenti sia il reperimento delle risorse finanziarie. E' questo uno dei dati che hanno accompagnato la riflessione che si e' sviluppata oggi a Roma nel corso della 57a assemblea generale di Federambiente alla quale e' intervenuto il ministro dell'Ambiente, Andrea Orlando.

Una riflessione a piu' voci che ha messo in evidenza quanto il sistema di gestione dei servizi d'igiene ambientale abbia bisogno di un Piano nazionale dei rifiuti che accompagni, in un quadro di certezze normative, anche in materia di lavoro, e delle fonti di finanziamento (a partire dal superamento della Tares), la costruzione e l'irrobustimento di un sistema industriale maturo dei rifiuti.

Con queste condizioni - e' emerso dalla discussione - il sistema delle imprese d'igiene ambientale e' pronto a confermare i livelli d'investimento degli anni passati (1,170 miliardi di euro nel 2010, +8,9% rispetto al 2009) e sarebbe cosi' messo in grado di offrire su tutto il territorio nazionale quei servizi efficienti, di livello europeo, ambientalmente ed economicamente sostenibili che i cittadini e gli enti locali giustamente richiedono.

Richieste alle quali il ministro ha risposto positivamente, in particolare condividendo la proposta di una Conferenza nazionale del settore in vista della messa a punto del Piano nazionale dei rifiuti: ''Un'occasione - ha precisato il responsabile dell'Ambiente - per affrontare i temi del superamento delle emergenze, della programmazione di lungo periodo e delle politiche per lo sviluppo industriale del settore''. Il ministro si e' detto d'accordo anche con la necessita' di una ''profonda modifica'' della Tares, auspicando che il tema venga sganciato dal dibattito su IMU e IVA.

''Confidiamo che governo e Parlamento - ha affermato il presidente di Federambiente, Daniele Fortini, aprendo i lavori dell'assemblea - condividano un percorso che assecondi lo sviluppo di un sistema virtuoso di gestione dei rifiuti italiani. Ci basterebbe una chiara e semplice normativa di settore, una tariffa commisurata all'effettiva virtuosita' delle raccolte e del recupero a risorsa dei rifiuti, regole applicabili, i cui effetti siano misurabili senza imbrogli.

L'obiettivo piu' urgente del sistema Paese dev'essere il superamento delle discariche. E' alla nostra portata, dobbiamo mirarlo bene e usare strumenti efficaci per raggiungerlo''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina