mercoledì 22 febbraio | 07:45
pubblicato il 06/mar/2013 18:10

Ambiente: Aia, Italia ultima in Ue. Squinzi, situazione drammatica

(ASCA) - Roma, 6 mar - In Italia la tempistica per il rilascio dell'Autorizzazione integrata ambientale (Aia) si attesta su una media di 14-21 mesi, la piu' alta tra i Paesi Ue, sebbene la norma di recepimento della Direttiva IPPC preveda un termine massimo di 150 giorni. Lo rivela Confindustria in un rapporto diffuso oggi, nel quale si evidenzia come si siano registrati tempi anche superiori ai 20 mesi. E' il caso del settore della raffinazione, mentre nel comparto chimico, ad esempio, i tempi di rilascio hanno sfiorato persino i 5 anni. Tra i Ventisette, solo la Francia si avvicina negativamente ai numeri italiani: Oltralpe il tempo previsto per legge e' di 8 mesi, anche se nella pratica mediamente le istruttorie hanno registrato una durata di circa due anni. Segue poi la Germania (7-12 mesi), la Danimarca (6 mesi), il Regno Unito (4-9 mesi), la Finlandia (meno di 6 mesi), il Belgio e l'Austria dove le tempistiche possono raggiungere una singola mensilita'. Una situazione ''drammatica'', soprattutto sul piano strettamente regionale: sono infatti 159 gli Aia nazionali e 5.834 quelli locali e sui tempi di concessione solo la Liguria ''ha finora rispettato i 150 giorni previsti, come la Provincia autonoma di Trento'', ha fatto notare il presidente degli industriali italiani Giorgio Squinzi.

In Campania, Lazio e Umbria si parla di due anni. Il record negativo lo detiene invece il Friuli Venezia Giulia, dove le tempistiche hanno raggiunto i 4 anni. In Emilia Romagna e in Toscana si parla di sei mesi, mentre in Lombardia ''siamo abbastanza in linea con 120-180 giorni''.

In Piemonte non si rivelano casi eclatanti di ritardo. Una situazione ''allucinante'' l'ha definita ancora Squinzi, con una ''disparita' tra una regione e l'altra davvero drammatica''. A pesare sul mancato recepimento della normativa sulla soprattutto ''le inefficienze del sistema amministrativo'' italiano che impattano ''negativamente sulla competitivita' delle nostre imprese'' e ''sulla capacita' del Paese di attrarre investimenti nel settore industriale'', ha proseguito il numero uno di Viale dell'Astronomia. Ma anche i costi di transazione ''piu' elevati rispetto ai principali Paesi europei''.

Per Confindustria, ha poi aggiunto, ''la tutela della salute e dell'ambiente'' e' un tema ''prioritario'', ma in Italia appare ''evidente'' come le discipline comunitarie in materia ambientale siano ''spesso recepite in maniera piu' restrittiva rispetto a quanto richiesto dalla stessa Ue''. Per questo, al fine di ''continuare ad attrarre investimenti, l'Italia deve avere un quadro normativo ambientale allineato agli standard europei e semplificare in modo deciso le procedure. La sfida della sostenibilita' ambientale richiede innovazione tecnologica ed investimenti importanti. Le imprese italiane sono pronte a fare la loro parte ma le regole del gioco devono essere le stesse per tutti'' , ha infine concluso Squinzi.

L'autorizzazione integrata ambientale (Aia) e' l'autorizzazione di cui necessitano alcune aziende per uniformarsi ai principi dettati dalla comunita' europea. Puo' essere di vario tipo a seconda dell'attivita' svolta. La Direttiva Europea 96/61/CE (Direttiva IPPC) ha fissato entro il 2007 il termine di adeguamento oltre il quale un impianto non conforme non potrebbe essere operativo.

rba/cam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia