sabato 25 febbraio | 17:46
pubblicato il 16/feb/2017 12:40

Almaviva, parte piano governo per ricollocare 1.600 lavoratori

Assegno di ricollocazione fino a 5mila euro a lavoratore

Almaviva, parte piano governo per ricollocare 1.600 lavoratori

Roma, 16 feb. (askanews) - Parte il piano del governo per la ricollocazione dei 1.600 lavoratori di Almaviva licenziati dal call center. Si tratta di un piano che rientra nelle politiche del lavoro realizzato in collaborazione con la regione Lazio e l'Anpal (Agenzia nazionale politiche attive del lavoro). Il piano prevede risorse per gli assegni di ricollocazione fino a 5mila euro a lavoratore a valere sul Fondo europeo per la globalizzazione, che sarà dato solo però a ricollocazione avvenuta, e risorse regionali per 2000 euro a lavoratore per il bonus formazione e 8mila euro per un bonus assunzione per le imprese che assumeranno questi lavoratori a tempo indeterminato. Previsti inoltre 18mila euro a lavoratore per chi decidesse di avviare un'impresa e 10mila euro per gli over sessanta.

"Le risorse - ha assicurato il ministro Carlo Calenda nel corso della conferenza stampa di presentazione del piano - sono assolutamente sufficienti per tutti i lavoratori".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Volkswagen
Volkswagen, torna in utile nel 2016 per 5,1 mld dopo dieselgate
Generali
Intesa Sanpaolo: non individuate opportunità su Generali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech