lunedì 20 febbraio | 23:46
pubblicato il 20/mag/2016 10:54

Allarme Svimez: Sud fanalino di coda in Ue per competitività

Ma svetta per il benessere fisico della popolazione

Allarme Svimez: Sud fanalino di coda in Ue per competitività

Roma, 20 mag. (askanews) - Un Sud sempre meno competitivo rispetto all'Europa, con forti deficit soprattutto nella preparazione tecnologica (37,3 punti rispetto a 50), mercato del lavoro (37,7 contro 50) e qualità delle istituzioni (36,6 contro 51,4), ma che svetta per benessere fisico della popolazione (54,3 punti rispetto alla media europea di 49,4). A livello regionale nel settore dell'intermediazione finanziaria e delle consulenze specialistiche Calabria, Sardegna, Molise e Campania registrano performances superiori alla media europea. È quanto emerge dallo studio "Divari di competitività tra regioni duramte la sovereign debt crisis: il Mezzogiorno tra resistenza e resa" pubblicato sulla Rivista Economica del Mezzogiorno, trimestrale della Svimez.

Lo studio prende in esame gli andamenti della competitività di 255 aree territoriali appartenenti a 27 paesi europei diversi con attenzione a quelli delle regioni meridionali per gli anni 2010-2013, in base a elaborazioni sugli ultimi dati EUROSTAT disponibili.

Nello specifico, guardando i singoli indicatori in un'ipotetica scala da 1 a 100, emerge che il Sud rispetto alla media Ue registra un forte gap nella maggior parte degli indicatori. In particolare, nelle infrastrutture il Sud si è fermato nel 2013 a 41,6 (in calo di 4 punti percentuali rispetto al 2010) a fronte del 48 della media Ue e del 50 del Nord Italia; nell'innovazione segue pressapoco lo stesso andamento (nel 2013 in calo, da 43 a 40,6 rispetto a una media Ue di 48,9). Nove punti in meno della media Ue il Sud li registra nel 2013 nell'accesso all'istruzione superiore (40,3 contro 49,6). Va ancora peggio nel campo della preparazione tecnologica (37,3 nel 2013, in calo di 5 punti rispetto ai 42,3 del 2010, ben lontani dai 50,5 della media Ue), dell'efficienza del mercato del lavoro (37,7 al Sud contro una media Ue di 50,4 e di 52,9 al Nord Italia nel 2013) e nella qualità delle istituzioni: qui il Sud si ferma nel 2013 a 36,6, in calo rispetto al 2010 (40,3) e distante dalla media Ue di 51,4.

Diverso invece il quadro per la business sophistication, che vola dal 2010 al 2013 da 39,9 a 48,5, un dato leggermente superiore alla media Ue (47,3) e comunque inferiore al 51,7 del Nord. Unico potenziale fattore di competitività in cui il Mezzogiorno svetta rispetto alla media Ue è il benessere fisico della popolazione; nel 2013 è leggermente calato, passando dai 55,8 del 2010 ai 54,3 del 2013, ben cinque punti in più della media Ue ferma a 49,4.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia