martedì 21 febbraio | 11:27
pubblicato il 03/set/2014 12:00

Allarme Ocse: rischio "stigma" giovani Italia, boom disoccupati

A differenza di altrove aumentano neet:chi non lavora e non studia

Allarme Ocse: rischio "stigma" giovani Italia, boom disoccupati

Roma, 3 set. (askanews) - In Italia la disoccupazione giovanile è raddoppiata rispetto ai livelli precedenti alla crisi globale, e intanto, all'opposto di quanto avviene normalmente, è aumentata anche la quota di giovani totalmente inattivi: i "neet", quelli che non lavorano, non studiano e non seguono alcun tipo di formazione. In un quadro già non confortante del mercato del lavoro nella Penisola, i rilievi che l'Ocse fa sulla situazione dei giovani sono anche più allarmanti. La disoccupazione media in Italia ha raggiunto il 12,6 per cento, oltre due punti più alta del valore medio europeo. Ma se nella media dei paesi avanzati "tra gli individui attivi con meno di 24 anni ne risulta disoccupato circa uno su quattro", in Italia si raggiunge ben il 43,4 per cento. "La crescita della disoccupazione giovanile è stata particolarmente rapida in Italia, il tasso di disoccupazione è raddoppiato dal 2007", afferma l'ente parigino nella scheda sulla Penisola contenuta nel rapporto annuale sul lavoro. "Questa tendenza - prosegue lo studio - si accompagna con l'ancor più preoccupante aumento dei giovani inattivi che non frequentano corsi d'istruzione. La quota di giovani non occupati e non in istruzione e formazione (Neet) è salita di 6,1 punti percentuali, raggiungendo il 22,4 per cento alla fine del 2013". "Questa dinamica contrasta con quella della maggior parte dei paesi Ocse, in cui i giovani hanno reagito alle scarse prospettive occupazionali aumentando l'investimento in istruzione (e l'incidenza dei NEET si è, in media, stabilizzata), o quella di paesi come la Germania, in cui la quota di Neet è scesa più rapidamente rispetto al tasso di disoccupazione aggregato". L'Ocse avverte che per i giovani italiani neet "cresce il rischio di stigma, cioè di subire un calo permanente delle prospettive di occupazione e remunerazione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia