mercoledì 18 gennaio | 05:34
pubblicato il 03/set/2014 12:00

Allarme Ocse: rischio "stigma" giovani Italia, boom disoccupati

A differenza di altrove aumentano neet:chi non lavora e non studia

Allarme Ocse: rischio "stigma" giovani Italia, boom disoccupati

Roma, 3 set. (askanews) - In Italia la disoccupazione giovanile è raddoppiata rispetto ai livelli precedenti alla crisi globale, e intanto, all'opposto di quanto avviene normalmente, è aumentata anche la quota di giovani totalmente inattivi: i "neet", quelli che non lavorano, non studiano e non seguono alcun tipo di formazione. In un quadro già non confortante del mercato del lavoro nella Penisola, i rilievi che l'Ocse fa sulla situazione dei giovani sono anche più allarmanti. La disoccupazione media in Italia ha raggiunto il 12,6 per cento, oltre due punti più alta del valore medio europeo. Ma se nella media dei paesi avanzati "tra gli individui attivi con meno di 24 anni ne risulta disoccupato circa uno su quattro", in Italia si raggiunge ben il 43,4 per cento. "La crescita della disoccupazione giovanile è stata particolarmente rapida in Italia, il tasso di disoccupazione è raddoppiato dal 2007", afferma l'ente parigino nella scheda sulla Penisola contenuta nel rapporto annuale sul lavoro. "Questa tendenza - prosegue lo studio - si accompagna con l'ancor più preoccupante aumento dei giovani inattivi che non frequentano corsi d'istruzione. La quota di giovani non occupati e non in istruzione e formazione (Neet) è salita di 6,1 punti percentuali, raggiungendo il 22,4 per cento alla fine del 2013". "Questa dinamica contrasta con quella della maggior parte dei paesi Ocse, in cui i giovani hanno reagito alle scarse prospettive occupazionali aumentando l'investimento in istruzione (e l'incidenza dei NEET si è, in media, stabilizzata), o quella di paesi come la Germania, in cui la quota di Neet è scesa più rapidamente rispetto al tasso di disoccupazione aggregato". L'Ocse avverte che per i giovani italiani neet "cresce il rischio di stigma, cioè di subire un calo permanente delle prospettive di occupazione e remunerazione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa