martedì 17 gennaio | 09:01
pubblicato il 29/ott/2013 12:00

Allarme lavoro,oltre 9 mln tra disoccupati,precari e scoraggiati

Ricerca dell'Associazione Bruno Trentin (cgil) sul primo semestre

Allarme lavoro,oltre 9 mln tra disoccupati,precari e scoraggiati

Roma, 29 ott. (askanews) - E' sempre più emergenza lavoro in Italia: nel primo semestre del 2013 l'area della sofferenza occupazionale (disoccupazione, ricerca scoraggiata di lavoro e cassa integrazione) e del disagio occupazionale (precarietà e part-time involontari) supera, per la seconda volta consecutiva, la soglia dei 9 milioni di persone (9 milioni e 51mila). A lanciare l'allarme è il Presidente dell'Associazione Bruno Trentin Fulvio Fammoni, annunciando i dati principali della periodica rilevazione di monitoraggio svolta dall'Associazione sullo stato del mercato del lavoro in Italia. L'area della sofferenza occupazionale, in particolare, arriva a 4 milioni e 859mila persone, con un incremento rispetto al primo semestre 2012 di 522mila unità (+12%). L'area del disagio è di 4 milioni e 192mila unità, con un aumento del 2,8% rispetto al primo semestre 2012 (+116mila persone). ''Complessivamente le due aree, con una crescita costante in tutti i primi semestri degli ultimi 7 anni - ha osservato Fammoni - registrano rispetto al 2007 un incremento del 58,7%, pari a circa 3 milioni e 350mila persone in più''. La crescita della disoccupazione conferma gli effetti più gravi sui giovani e sulle donne, ma si rileva anche il continuo aumento della disoccupazione di lunga durata (55% sul totale) e l'emergenza mezzogiorno. Il rapporto si sofferma per la prima volta anche sulla composizione delle 2 aree, articolate per genere, età, titolo di studio, cittadinanza e ripartizione geografica. Si tratta di dati molto significativi per interpretare ulteriormente le dinamiche del lavoro durante la crisi. In particolare per quanto riguarda il titolo di studio, si confermano i problemi legati al basso tasso di scolarità ma, contemporaneamente, anche al fatto che chi è in possesso di un titolo di studio più elevato è fortemente colpito dalla precarietà. ''I dati della rilevazione - ha concluso Fammoni - evidenziano dunque in modo chiaro come la crisi e i mancati interventi per creare occupazione e sviluppo stiano continuando a provocare effetti devastanti sul lavoro, sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo''.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Fca
Fca, Berlino: richiamare Jeep Renegade, Fiat 500 e Doblò
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello