lunedì 23 gennaio | 02:02
pubblicato il 03/feb/2015 17:23

Allarme FT:eurozona rischia stagnazione,tassi Bund sotto Giappone

Mai accaduto prima. Non è un segnale positivo

Roma, 3 feb. (askanews) - I rendimenti sui titoli di Stato decennali della Germania, i Bund, sono finti per la prima volta in assoluto a livelli più bassi di quelli del Giappone: un segnalare che "alimenta i timori che Eurolandia rischia una stagnazione che potrebbe durare decenni". A lanciare l'allarme è il Financial Times, in apertura dell'edizione online. Il sorpasso simbolico si è verificato quando i tassi sui Bund sono scesi fino allo 0,306 per cento, mentre quelli sulle emissioni nipponiche equivalenti erano marginalmente aumentati, di 7 punti base allo 0,335 per cento.

Su questo tipo di titoli i rendimenti sono in un rapporto inversamente proporzionale con il prezzo: più quest'ultimo sale a seguito di acquisti, più un titolo è ritenuto solido e meno offre in termini di tassi retributivi.

Normalmente i tassi bassi sono ritenuti un bene per uno Stato, dato che significano ridotti costi di finanziamento e di rinnovo del debito pubblico. Tuttvia "il calo al di sotto dei tassi giapponesi non è considerato un segnale positivo - avverte il FT - perché sono ritenuti un sintomo di 'giapponesizzazione', termine che si riferisce a due decenni di lotta contro una spirale di deflazione, iniziata con una crisi nel 1990 che ha finito per portare al maggior debito pubblico del mondo".

Rispetto ai livelli del 2011, i tassi sui Bund sono calati di oltre 3 punti percentuali, o 300 punti base, e di recente hanno segnato ulteriori flessioni a seguito del piano di acquisti annunciato dalla Bce, il quantitative easing che partirà a marzo. Intanto i tassi giapponesi sonio risaliti, dopo aver segnato un recente minimo appena sopra lo 0,20 per cento sul termine decennale. Oggi in particolare sono aumentati a seguito di un'asta di collocamento che ha evidenziato il più basso livello di domanda da un anno e mezzo.

A ricordare i pericoli di deflazione che gravano su Eurolandia oggi ci hanno pensato stati i dati Eurostat: a dicembre si è nettamente aggravata la contrazione dei prezzi alla produzione nell'area euro, con un meno 1 per cento dal mese precedente. Un segnale che non lascia presagire risalite dell'inflazione sui prezzi al consumo, sprofondata al meno 0,6 per cento a gennaio. La Bce ha un obiettivo di "stabilità dei prezzi" che vuole il caro vita inferiore ma vicino al 2 per cento annuo. E proprio per contrastare l'insidiosa debolezza dei prezzi ha deciso di far scattare il piano di acquisti di titoli.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4