domenica 04 dicembre | 03:02
pubblicato il 06/mag/2013 17:59

Alla Luiss la lectio magistralis di Mario Draghi

"Crisi finanziaria ha risvegliato da una lunga amnesia"

Alla Luiss la lectio magistralis di Mario Draghi

Roma, (askanews) - L'occasione è insolita, ma il monito è perentorio: in alcuni Paesi europei la disoccupazione ha raggiunto livelli che incrinano la fiducia in dignitose prospettive di vita, e che rischiano di innescare forme di protesta estreme e distruttive. A parlare è il presidente della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, nella sua lectio magistralis all'Università Luiss Guido Carli di Roma, in occasione del conferimento della laurea Honoris Causa in Scienze politiche. Nel suo intervento, Draghi si è soffermato anche sulle politiche di bilancio dei paesi dell'area euro che "devono essere mantenute su sentieri sostenibili" e ai governi ha chiesto di tagliare la spesa senza alzare le tasse. Mentre sulla crisi finanziaria il governatore della Bce ha detto:"La crisi finanziaria mondiale ha risvegliato bruscamente tutti gli attori da una lunga, compiaciuta amnesia". Alla cerimonia alla Luiss hanno partecipato personalità del mondo dell'economia e della finanza. Numerosissimi gli studenti accorsi per l'appuntamento, ma molti di loro non hanno potuto prendere posto nell'Aula Magna a causa dell'elevato afflusso.

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari