domenica 04 dicembre | 11:40
pubblicato il 04/lug/2014 19:05

Alitalia: sindacati piloti chiedono apertura tavolo a ministero lavoro

(ASCA) - Roma, 4 lug 2014 - Un tavolo di trattativa congiunto al ministero del lavoro per la ricollocazione di piloti e assistenti di volo. Questa la richiesta dei sindacati di piloti e assistenti di volo avanazata nel corso di un incontro con il Ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi e il rappresentante delle risorse umane di Alitalia.

ANPAC, AVIA ed ANPAV - in una nota - ''esprimono soddisfazione per la convocazione ricevuta dal Ministro Lupi.

Durante l'incontro si sono approfonditi i temi chiave della vertenza Alitalia-Etihad con particolare riferimento ed attenzione alle eccedenze di personale ed alle problematiche connesse al lavoro''.

L'azienda ed il Ministero - riferiscono i sindacati -, ''dopo una presentazione generale sullo stato della trattativa tra Alitalia ed Etihad e sugli interventi messi in atto dal Governo per favorire il buon esito della vertenza e per garantire il sostegno in questo momento di difficolta' all'intero settore del Trasporto Aereo nazionale, hanno confermato i numeri degli esuberi gia' annunciati e ampiamente pubblicizzati (2.251 lavoratori) ed hanno enfatizzato la necessita' di chiudere la trattativa entro il prossimo 15 luglio''.

Considerato anche l'elevato numero di personale altamente qualificato ex dipendente dalla vecchia Alitalia ed ora prossimo al termine della mobilita' e senza prospettive di occupazione cui si aggiungeranno i nuovi esuberi annunciati, ANPAC, AVIA ed ANPAV, hanno richiesto al Ministro Lupi ''l'apertura di un tavolo congiunto con il Ministero del Lavoro mirato all'istituzione di una sorta di Ufficio di collocamento della gente dell'aria che gestisca la ricollocazione di piloti ed assistenti di volo''.

Dal prossimo martedi' iniziera' un serrato confronto - aggiungono ANPAC, AVIA ed ANPAV - ''che auspichiamo sia concretamente focalizzato sulle problematiche aziendali e veda la partecipazione contestuale e attiva di tutte le parti legittimamente coinvolte e rappresentative del personale aziendale, senza improprie e intempestive derive volte ad anticipare la discussione di un contratto collettivo nazionale dei vettori''.

E' stato confermata la volonta' aziendale, ampiamente supportata dalla mediazione ministeriale, di gestire la trattativa in modo equilibrato e partecipativo.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari