sabato 21 gennaio | 05:22
pubblicato il 02/mag/2014 19:34

Alitalia: lunedi' Del Torchio ad Abu Dhabi. Inizia la vera trattativa

Alitalia: lunedi' Del Torchio ad Abu Dhabi. Inizia la vera trattativa

(ASCA) - Roma, 2 mag 2014 - Lunedi' prossimo l'amministratore delegato di Alitalia, Gabriele Del Torchio, volera' ad Abu Dhabi per avviare con Etihad la trattativa vera e propria, dopo le scermaglie dei giorni scorsi, caratterizzate da lettere con condizioni, repliche e controrepliche. Del Torchio si presentera' negli Emirati Arabi Uniti con una serie di carte in mano corrispondenti alle richieste avanzate dalla compagnia emiratina, giudicate dal vettore arabo indispensabili per proseguire la trattativa dopo il brusco stop di due settimane fa.

Propedeutico alla missione di lunedi' di Del Torchio nel Golfo e' stato oggi l'incontro con le banche creditrici a Milano, Unicredit, Intesa SanPaolo, Mps e Banca popolare di Sondrio. Del Torchio, accompagnato dal presidente della compagnia, Roberto Colaninno, non ha rilasciato dichiarazioni al termine dell'incontro anche se la discussione e' servita molto probabilmente a fare il punto su una delle richieste principali di Etihad, ovvero la trasformazione di circa la meta' del debito di Alitalia, ovvero 500 milioni, in strumenti di partecipazione azionaria. Nella giornata di oggi, Del Torchio ha sentito anche gli azionisti di Alitalia e con loro,presumibilmente, ha affrontato il nodo della manleva richiesta da Etihad sulle pendenze del passato. Per quanto riguarda poi le altre richieste di sistema avanzate dalla compagnia degli Emirati Arabai Uniti come i collegamenti ferroviari cad alta velocita' degli aeroporti e la liberalizzazione di Linate, il Governo avrebbe dato sostanziali rassicurazioni da presentare agli emiri.

Infine, Del Torchio potra' arrivare ad Abu Dhabi presentanto un programma di risparmi anche maggiore rispetto al piano industriale che predeva tagli per 400 milioni, avendo elevato l'obiettivo a 500 milioni annui. Sul fronte del taglio del costo del lavoro per altri 48 milioni di euro, i sindacati pero' vogliono prima vedere sul tavolo un'offerta concreta di Etihad per un piano di sviluppo della compagnia italiana. Quest'oggi infatti, nel secondo incontro con l'azienda, i sindacati hanno ribadito la loro indisponibilita' a discutere su nuovi sacrifici per i lavoratori in mancanza di certezze sul futuro industriale dell'azienda.

sen/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4