venerdì 02 dicembre | 23:58
pubblicato il 08/ago/2014 19:45

Alitalia: Camusso, accordo con Etihad importante e positivo

(ASCA) - Roma, 8 ago 2014 - L'accordo con Etihad porta ''un piano industriale che rappresenta una prospettiva; da questo punto di vista e' una notizia importante, una buona notizia perche' puo' delineare un effettivo futuro della compagnia''.

Cosi' il Segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, commenta l'accordo tra Alitalia e Etihad.

''Si tratta di un accordo molto importante poiche' - ha aggiunto il segretario generale della Cgil - sorregge, finalmente, un piano industriale e una idea di sviluppo intercontinentale della compagnia. Si fa adesso quello che si sarebbe dovuto fare nel 2009''.

''E' importante e positivo che l'amministratore delegato di Etihad abbia annunciato che a settembre parlera' del futuro della compagnia con i lavoratori. Quella sara' l'occasione anche per ragionare del rapporto che c'e' tra il nuovo perimetro di Alitalia e i servizi che - ha concluso - credo sia il grande tema della riorganizzazione e del rapporto tra la nuova compagnia e gli scali aeroportuali''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari