venerdì 20 gennaio | 17:49
pubblicato il 07/feb/2013 15:20

Alitalia: Antitrust avvia procedimento su volo Carpatair

Alitalia: Antitrust avvia procedimento su volo Carpatair

(ASCA) - Roma, 7 feb - L'Antitrust ha deciso di avviare un procedimento ''per verificare se Alitalia, nelle informazioni fornite ai passeggeri sul volo Carpatair e su tutti i voli operati in base ad accordi di partnership e di code sharing, rispetti le norme del Codice del Consumo in materia di pratiche commerciali scorrette''. Il procedimento e' stato avviato sulla base di alcune segnalazioni, tra cui quella dell'associazione Codacons e da accertamenti d'ufficio eseguiti dai funzionari dell'Autorita'.

Dalle simulazioni effettuate, spiega l'Autorita' garante dell concorrenza, ''l'informazione relativa alla diversa compagnia che effettivamente opera il volo veniva fornita, nel processo di prenotazione on line, alla terza schermata (dopo aver selezionato la destinazione - prima schermata - e l'offerta tariffaria - seconda schermata -) attraverso una dicitura, apposta con caratteri estremamente ridotti ''Volo operato da Carpatair''. Analoga situazione emerge per voli effettuati in partnership e code sharing con altre compagnie''. In sostanza, prosegue l'Autorita', ''il procedimento dovra' verificare se, in questi casi, Alitalia fornisce ai consumatori adeguate informazioni sull'identita' del vettore e sulle specifiche caratteristiche del servizio offerto''.

L'Antitrust, alla luce di numerose segnalazioni ricevute dai consumatori, valutera' anche i comportamenti di Alitalia nella promozione e commercializzazione del prodotto denominato ''Carnet Italia'' (sei o dodici voli diretti di sola andata, al prezzo rispettivamente di 109 o 99 euro) e nella vendita di biglietti aerei relativi a piu' tratte. Nel primo caso ''emergerebbe un'insufficiente indicazione della presenza di consistenti limitazioni all'offerta, in particolare in relazione alla possibilita' di reperire voli su tutte le rotte nazionali Alitalia utilizzando i biglietti del Carnet. Nel secondo caso, a fronte di biglietti andata e ritorno o con scali intermedi, Alitalia imporrebbe l'obbligo di utilizzo sequenziale dei tagliandi di volo (cd. no show rule) pena il diniego dell'imbarco per la tratta di ritorno o per quella successiva, senza informare adeguatamente al momento dell'acquisto delle limitazioni previste o prevedere una procedura che consenta di effettuare comunque il volo di ritorno''.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Tpl, Sorte: anche per Delrio la Lombardia è modello da seguire