sabato 21 gennaio | 00:02
pubblicato il 11/giu/2014 16:34

Alitalia: Anpac/Anpav/Avia, serve tavolo con tutti senza scorciatoie

Alitalia: Anpac/Anpav/Avia, serve tavolo con tutti senza scorciatoie

(ASCA) - Roma, 11 giu 2014 - I margini del negoziato per Alitalia ''sono sottili'' ed e' ''imperativo che si seguano senza scorciatoie le prescrizioni di legge'' in un tavolo ''con tutti gli attori negoziali''. E' quanto sottolineano i sindcati dei piloti e degli assistenti di volo Anpac, Anpav ed Avia in un comunicato congiunto diffuso mentre e' in corso l'incontro tra governo e sindacati confederali.

''E' sempre apprezzabile la generosa disponibilita' al dialogo offerta dal Ministero dei Trasporti - scrivono - anche se talvolta rischia l'eterogenesi dei fini, infatti la vicenda Alitalia e' una maratona e gli sprint dunque inutili; la cosiddetta ''lettera'' di Etihad e' un voluminoso tomo, nella migliore tradizione anglosassone, che poco lascia alla libera interpretazione. Sono ancora numerosi i passaggi obbligati ed i nodi da sciogliere anche in ambito comunitario, improbabile che si dica la parola fine prima di novembre''.

Gli esuberi strutturali dichiarati ieri dall'A.D. Del Torchio, secondo le tre sigle sindacali, ''erano dati grossolanamente noti da mesi anche ai ''negazionisti'' che oggi si sbracciano in ipocrisie mediatiche e dichiarazioni di guerra''.

''I margini negoziali sono sottili'' proseguono ''e' imperativo che si seguano senza scorciatoie le prescrizioni di legge, quelle che giuristi ben piu' accorti di noi imposero per regolamentare le crisi aziendali con criteri che scongiurassero la macelleria sociale''.

''Siamo convinti - concludono Anpac, Anpav ed Avia - che il Governo sapra' ben fare la sua parte per dare massima copertura agli ammortizzatori sociali ed alle azioni di ricollocazione, ma e' al tavolo aziendale che bisogna agire per garantire il futuro a chi rimane e l'opportunita' di rientro per chi oggi venisse espulso. E' solo a quel tavolo che si condividono con tutti gli attori negoziali, congiuntamente, modalita', quantita' e qualita'.

Sovraesposizioni e luci della ribalta, in questa delicata fase, non tutelano l'interesse dei dipendenti Alitalia''.

fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4