lunedì 05 dicembre | 15:34
pubblicato il 16/lug/2014 13:07

Alitalia: Anpac-Avia-Anpav, contratto non danneggi piloti e assistenti

(ASCA) - Roma, 16 lug 2014 - ''Ieri notte la trattativa Alitalia si e' interrotta sul tema del contratto di lavoro.

Alitalia e' una compagnia aerea che opera in un sistema di regole complesse e specifiche per l'industria aeronautica, anche il contratto di lavoro deve quindi necessariamente contenere condizioni normative che si applicano esclusivamente al personale navigante. E' logico e naturale quindi che su queste parti specifiche del contratto di lavoro sia consentito ai pilotI e gli assistenti di volo a potersi esprimere votando e ratificando le clausole normative ed economiche che regolano la loro vita lavorativa''. Lo scrivono in una nota Anpac, Avia e Anpav, sottolineando di aver ''gia' dichiarato all'inizio di questa trattativa la loro piena disponibilita' a prolungare di tre anni la valenza dell'attuale contratto di lavoro di Alitalia per dare la stabilita' delle regole e la pace sociale richiesta da Etihad''. ''Oggi - aggiungono - ci troviamo di fronte al paradosso che alcune organizzazioni sindacali stanno esercitando pressioni sull'azienda perche' si sottoscriva con Assaereo, associazione datoriale di cui Alitalia e' unico socio, e con loro un contratto di lavoro definito ''nazionale'' marginalizzando dalla trattativa le associazioni sindacali di piloti e assistenti di volo''.

Anpac, Avia e Anpav considerano questa posizione ''un gravissimo attentato ai diritti del personale navigante di Alitalia che, con questa impostazione, sara' chiamato a pesantissimi sacrifici economici e normativi decisi di fatto da altri che non li rappresentano e che pretendono di sostituirsi ai sindacati democraticamente scelti dai lavoratori attraverso le loro deleghe''. ''Ricordiamo che i sacrifici economici richiesti per supportare l'operazione Alitalia-Etihad gravano per oltre l'80% su piloti ed assistenti di volo e non e' accettabile che proprio questi lavoratori vengano privati del diritto di potersi democraticamente esprimere sulle norme contrattuali di lavoro a loro applicabili'', concludono le sigle professionali.

red-gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari