domenica 04 dicembre | 15:42
pubblicato il 20/giu/2014 11:11

Alimentare: Ancit, per tonno in scatola fatturato stabile a 1,1 mld nel 2013

(ASCA) - Roma, 20 giu 2014 - Un anno in chiaroscuro, il 2013, per il settore del tonno in scatola, comparto strategico per l'alimentare italiano. Secondo le elaborazioni dell'ANCIT (Associazione Nazionale Conservieri Ittici) su dati Istat, il valore del settore del tonno in scatola nel 2013 e' stato di 1,1 miliardi di euro in sostanziale stabilita' rispetto all'anno precedente. La produzione si e' attestata a 69.000 tonnellate in crescita del +3,7% rispetto al 2012, mentre i consumi da parte degli italiani hanno toccato quota 137.400 tonnellate (-2,5% rispetto al 2012) pari a circa 2,2 kg pro capite. Nello stesso arco di tempo le esportazioni hanno raggiunto quota 18.162 tonnellate (+1,2%), confermando un crescente interesse per il nostro prodotto all'estero, mentre le importazioni si sono attestate 83.479 tonnellate (-2,1%). Dati che confermano l'Italia come uno dei piu' importanti mercati al mondo per il consumo di questo alimento tanto da posizionarsi come secondo produttore europeo, appena dietro la Spagna. C'e' da dire inoltre che i primi 3 mesi del 2014 evidenziano una tendenziale inversione di marcia per il tonno in scatola che mostra una tenuta dei consumi stabili (-0,59%), dato che va sottolineato soprattutto di fronte al drastico calo del comparto ittico in generale. ''Negli ultimi anni il tonno in scatola si sta sdoganando dall'immagine di cibo di emergenza, last minute, per diventare un piatto principale a tutti gli effetti, versatile, di spessore gastronomico e allo stesso tempo di alto profilo nutrizionale'', afferma Vito Santarsiero Presidente dell'Ancit. Per quanto riguarda la conoscenza dei consumatori di questo pesce, se da una parte ci sono buone notizie - gli italiani percepiscono che e' un prodotto adatto a tutta la famiglia e ne riconoscono le indubbie qualita' nutrizionali - l'indagine Doxa/Ancit ci dice che c'e' ancora molto da fare per sfatare alcuni falsi miti su questo alimento: il 63% degli italiani pensa infatti che il tonno sia una specie in via di estinzione e il 57% che abbia meno proprieta' del tonno fresco. ''In realta' e' vero esattamente il contrario perche' non solo il tonno in scatola mantiene intatte le sue caratteristiche, anzi, e' soggetto a controlli piu' estesi, frequenti e puntuali lungo tutta la filiera rispetto al tonno commercializzato fresco. E questo proprio per garantire il massimo della qualita' e dell'apporto nutrizionale'' spiega la nota dell'Ancit. com/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari