venerdì 09 dicembre | 11:26
pubblicato il 23/lug/2014 15:44

Alcoa: ipotesi Klesh in stallo. Fim, stringere con Glencore

(ASCA) - Torino, 23 lug 2014 - Per Alcoa sembra allontanarsi l'ipotesi del gruppo svizzero Klesh e ora i sindacati chiedono di stringere sull'alternativa anglo-svizzera Glencore con la quale si tentera' nei prossimi giorni un memorandum d'intesa. E' quanto e' emerso dopo l'incontro appena conclusosi al Mise tra Fim, Fiom, Uilm, il vice Ministro dell'economia Claudio De Vincenti, il presidente della regione Sardegna, Francesco Pigliaru.

''Con Klesh il negoziato e' in una fase di totale stallo - dichiara Marco Bentivogli, segretario nazionale fim-Cisl - ad oggi avrebbe dovuto presentare un piano finanziario contenente le disponibilita' sul capitale circolante contenuto nel piano e la lettera d'incarico a Pechiney per la validazione del restarting dello stabilimento, ad oggi nulla di cio' e' pervenuto''.

Con Glencore, aggiunge Bentivogli, il confronto e' in corso di approfondimento sulla pluralita' degli strumenti (super e normale interrompibilita', contratto bilaterale decennale con un primario gestore di energia indicizzato al prezzo del carbone, dell'LME, o entrambi gli indicatori) che assicurino un costo dell'energia che garantisca la competitivita' dello stabilimento, la realizzazione di un contratto di sviluppo sullo smelter (la fonderia, NdR), che con il contributo di Invitalia agevoli il restarting dello stabilimento.

''Anche con Glencore - dichiara il sindacalista - la trattativa e' in una fase delicata e nei prossimi giorni si tentera' di gettare le basi per costruire un memorandum understanding che garantisca da un lato le condizioni di offerta e dall'altro una lettera d'intenti da parte di Glencore che avvii il negoziato con Alcoa e l'ipotesi di contratto bilaterale per l'erogazione dell'energia. Alcoa - prosegue Bentivogli - continua a confermare di aver accolto gia' due proroghe per la tenuta in manutenzione degli impianti, noi continuiamo a ribadire la necessita' di non deteriorare gli impianti assicurandone una minore copertura manutentiva che pregiudicherebbe, operativita' e onerosita' del restarting. Mercoledi' 29 luglio e' stata convocata presso il Ministero dello Sviluppo Economico, la task force, con Fim,Fiom,Uilm, Regione Sardegna, Presidenza del Consiglio, Ministro del Lavoro, per proseguire il confronto sull'evoluzione del negoziato.

com-eg/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina