martedì 21 febbraio | 18:26
pubblicato il 29/nov/2013 18:10

Alcatel: Uilm, a rischio 580 posti. Governo tenga attenzione alta

(ASCA) - Roma, 29 nov - ''Ci rivedremo con le parti interessate il prossimo 17 gennaio. Nell'incontro di oggi al dicastero dello Sviluppo economico, presente il sottosegretario Claudio De Vincenti, abbiamo invitato il governo a tenere alta l'attenzione sulla vertenza Alcatel Lucent, perche' i 580 posti a rischio della multinazionale in Italia lo sono sempre di piu', considerando il persistente agire unilaterale del 'management' societario''. Lo ha dichiarato Enrico Azzaro, responsabile di settore della Uilm nazionale.

''Oltre ai 580 esuberi dichiarati - ha detto Azzaro - l'azienda sta procedendo alla chiusura 'fisica' di sedi e uffici: in questo modo il passaggio dal telelavoro al licenziamento e' breve. Ci attendiamo dal governo che sia protagonista in questa vertenza, anche sulla scelta della societa' che intende aggiudicarsi la parte Optics che Alcatel intende dismettere. In ballo vi sono persone e competenze che non possono essere disperse''.

fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia