venerdì 20 gennaio | 03:15
pubblicato il 29/nov/2013 17:54

Alcatel: De Vincenti, entro gennaio chiudere negoziato per Optics

(ASCA) - Roma, 29 nov - Chiudere il negoziato sul segmento Optics entro gennaio e tornare al tavolo il 17 dello stesso mese per discutere l'intero piano industriale di Alcatel e sulle sue ripercussioni occupazionali. E' quanto emerso oggi al Ministero dello Sviluppo Economico nel corso di un confronto, presieduto dal Sottosegretario Claudio De Vincenti, sulla vertenza Alcatel-Lucent con i rappresentanti del management della multinazionale, delle organizzazioni sindacali nazionali e territoriali e delle Regioni Lombardia e Campania.

''L'incontro odierno sulle prospettive di Alcatel-Lucent in Italia - ha dichiarato il Sottosegretario De Vincenti - e' stata una importante occasione per riaffermare con forza la necessita' che la multinazionale franco-americana sulle TLC non disperda le importanti competenze professionali e il patrimonio di ricerca che si e' sviluppato nel nostro Paese''.

A questo proposito, spiega il Dicastero, il Sottosegretario De Vincenti ha chiesto ad Alcatel di essere disponibile ad un serio e rapido confronto con il Governo e con le rappresentanze dei lavoratori. Alcatel ha accolto l'invito e riferira' al governo - entro la meta' di dicembre - sullo stato di avanzamento dei negoziati relativi al segmento ''Optics'' che non rientrera' piu' nel core business aziendale. Il Sottosegretario De Vincenti, nel tirare le fila della discussione, ha sollecitato la chiusura dei negoziati su questa materia gia' entro il mese di gennaio del prossimo anno. ''Il Governo - ha concluso De Vincenti - condivide le preoccupazioni dei lavoratori e garantisce ai ricercatori e ai tecnici di Alcatel il massimo impegno a tutela del loro futuro professionale''.

Il prossimo 17 gennaio il confronto proseguira' presso il Ministero dello Sviluppo Economico sull'intero piano industriale di Alcatel e sulle sue ripercussioni occupazionali. In vista di tale appuntamento, l'esecutivo ha invitato Alcatel a non intraprendere scelte unilaterali e a rendersi disponibile per un confronto sulle politiche nazionali per le TLC al fine di ricercare le necessarie convergenze tra gli interessi aziendali e quelli piu' generali del Paese.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale