venerdì 24 febbraio | 11:34
pubblicato il 07/ott/2016 12:44

Alamaviva, Barbagallo: siamo al ricatto occupazionale

'Stanno cercando di dividere i lavoratori: è inaccettabile'

Alamaviva, Barbagallo: siamo al ricatto occupazionale

Roma, 7 ott. (askanews) - "Sulla vicenda Almaviva siamo al ricatto occupazionale, stanno cercando di dividere i lavoratori: è inaccettabile". Lo ha detto il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo intervenendo alla trasmissione "La Radio ne parla" su Radio Rai1.

"Le multinazionali scorrazzano indisturbate per l'Europa e per il mondo perché non ci sono regole che le fermino. Il Governo - ha precisato Barbagallo - deve far rispettare a questa azienda i patti sottoscritti nello scorso mese di maggio. Se Almaviva punta a una crescita della produttività sta sbagliando completamente rotta: la produttività cresce con il benessere lavorativo, mettendo i lavoratori nella condizione di operare meglio e non tenendoli, continuamente, sotto la spada di Damocle dei licenziamenti, delle dismissioni e delle delocalizzazioni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
Mps
Mps, Ft: Bruxelles e Bce divise sul salvataggio
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech