domenica 11 dicembre | 09:08
pubblicato il 14/mag/2014 12:33

Airbus: in 20 anni 41mila voli per raccolta dati su qualita' atmosfera

Airbus: in 20 anni 41mila voli per raccolta dati su qualita' atmosfera

(ASCA) - Roma, 14 mag 2014 - Airbus celebra i venti anni dall'avvio del progetto europeo MOZAIC (Measurement of Ozone by Airbus in-service Aircraft), dedicato alla rilevazione dei dati sull'atmosfera in tutto il mondo attraverso voli di linea di velivoli Airbus operati dalle compagnie aeree partner del progetto. Dal 1994 - anno del primo volo MOZAIC operato da Air France tra Caracas a Bogota' - sono oltre 41.000 i voli di linea che hanno contribuito a rilevare quotidianamente i dati sull'atmosfera in tutto il mondo nell'ambito del programma che, nel 2005, si e' evoluto nella infrastruttura europea di ricerca IAGOS-DS (In-Service Aircraft for a Global Observing System) poi diventata nel 2011 IAGOS-ERI potenziando le capacita' di rilevazione a lungo termine nel mondo effettuate a bordo di aeromobili Airbus operati sul lungo raggio.

Il costruttore celebra in questi giorni il ventesimo anniversario del programma insieme ai propri partner, operatori e alla comunita' scientifica, sottolineando - scrive in una nota - il forte impegno di Airbus nel migliorare le conoscenze scientifiche sulla ricerca climatica. Attualmente 7 Airbus widebody (6 A340-300 e un A330) dotati di dispositivi per le rilevazioni, volano quotidianamente in tutto il mondo grazie al supporto delle compagnie aeree associate al programma: Lufthansa, China Airlines, Air France, Iberia, Cathay Pacific e Air Namibia. I dati scientifici raccolti, tra cui i dati in tempo quasi reale per le previsioni meteorologiche, e le previsioni sul clima e sulla qualita' dell'aria, vengono verificati e inseriti nei database MOZAIC/IAGOS con accesso libero per le comunita' scientifiche internazionali e per quelle incaricate di creare le policy. I dispositivi per le rilevazioni raccolgono informazioni fondamentali necessarie per la ricerca, quali ad esempio i parametri degli aeromobili (data/ora, geolocalizzazione, direzione e velocita' del vento, temperatura, pressione) e dati atmosferici quali le concentrazioni di ozono, vapore acqueo e monossido di carbonio.

''Oggi non esiste un modello atmosferico o climatico che non utilizzi gli enormi database di MOZAIC e IAGOS per mettere a punto i dati raccolti'' - ha dichiarato Rainer Von Wrede, Head of Environment for Engineering and Research & Technology di Airbus -. Grazie alla nostra partecipazione e alle solide partnership con compagnie aeree, laboratori e istituti, la comunita' scientifica ha una maggiore conoscenza dei cambiamenti atmosferici e climatici''.

red-lcp/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina