lunedì 05 dicembre | 17:38
pubblicato il 02/giu/2014 13:48

Airbus: Delta ordina 15 A321 per un valore di 1,2 mld

(ASCA-AFP) - Parigi, 2 giu 2014 - La compagnia aerea statunitense, Delta Air Lines, ha ordinato da Airbus 15 A321 per un valore stimato di 1,2 miliardi di euro. Il vettore Usa, che sta procedendo al rinnovamento della sua flotta aerea a medio raggio, ricevera' i primi aeromobili dal 2018.

Delta, che e' una delle principali compagnie aeree statunitensi, gestisce gia' una grande flotta di aeromobili Airbus, tra cui figurano 126 A320 e 32 A330. Questa nuova acquisizione porta a 55 il numero di aerei Airbus attualmente in ordine da Delta: 45 A321 e 10 A330 .

Sebbene Delta abbia preferito Airbus alla rivale statunitense Boeing, gli aerei della compagnia aersopaziale europea saranno parte del programma ''Made in USA''. Airbus precisa infatti che molti di questi velivoli saranno assemblati sul nuovo stabilimento di Mobile, in Alabama.

L'impianto ha iniziato ad assumere dipendenti e l'assemblaggio degli aeromobili iniziera' il prossimo anno per raggiungere un tasso di produzione di quattro aerei al mese nel 2014.

sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari