sabato 03 dicembre | 23:12
pubblicato il 15/ott/2015 11:02

Air France, i cinque indagati per violenze sospesi senza paga

Protagonisti dell'aggressione a dirigenti lo scorso 5 ottobre

Air France, i cinque indagati per violenze sospesi senza paga

Parigi, 15 ott. (askanews) - Sono stati sospesi senza retribuzione i cinque dipendenti di Air France accusati di violenze, a seguito delle proteste che lo scorso 5 ottobre hanno sfociato in un vero e proprio assalto al quatier generale del gruppo a Roissy, vicino Parigi, e nell'aggressione di due dirigenti, tra cui il direttore del personale sfuggito con i vestiti laceranti dagli assalitori. Le immagini del manager che, seminudo, scavalcava una barriera per mettersi in salvo da un apparente tentativo di linciaggio avevano fatto il giro del mondo.

Ora secondo fonti sindacali la compagnia aerea ha deciso di sospendere senza salario cinque persone imputate per violenze, che compariranno davanti al giudice il 2 dicembre prossimo.

Una decisione duramente criticata dal sindacato Cgt, tra i maggiori sostenitori della linea dura con il management. "Dopo aver criminalizzato le sofferenze dei dipendenti, ora la direzione gira il dito nella piaga prendendosela con salari e lavoro". La sanzione è "inammissibile - recita una nota - e contraria alla ripresa di un dialogo disteso". (fonte Afp)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari