domenica 22 gennaio | 01:01
pubblicato il 03/gen/2014 09:39

Agroalimentare: Coldiretti, export 2013 da record. Vale 33 mld

Agroalimentare: Coldiretti, export 2013 da record. Vale 33 mld

(ASCA) - Roma, 3 gen 2014 - Record storico per il valore delle esportazioni di prodotti agroalimentari italiani che, trainate dal vino, nel 2013 hanno raggiunto il massimo di sempre, arrivando a quota 33 miliardi di euro. E' quanto emerge - riferisce una nota - da una analisi Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi al commercio estero. La maggior parte delle esportazioni - sottolinea Coldiretti - interessa i paesi dell'Unione europea per un valore stimato di 22,5 miliardi (+5 per cento), ma il Made in Italy cresce anche negli Stati uniti con 2,9 miliardi (+6 per cento), nei mercati asiatici (+8 per cento, 2,8 miliardi) e su quelli africani dove si e' avuto un incremento del 12 per cento, arrivando a quota 1,1 miliardi. Il miglior risultato e', pero', quello che viene dall'Oceania, con un +13 per cento, anche se l'importo e' contenuto. A livello generale, l'aumento dell'export rispetto allo scorso anno e' stato del 6 per cento. Tra i principali settori del Made in Italy, il prodotto piu' esportato si conferma il vino, con 5,1 miliardi (+8 per cento) davanti all'ortofrutta fresca (4,5 miliardi di euro) che cresce del 6 per cento, mentre l'olio che fa segnare un +10 per cento che porta il valore complessivo a 1,3 miliardi.

Aumenta pure la pasta che rappresenta una voce importante del Made in Italy sulle tavole straniere con 2,2 miliardi (+4 per cento). Analizzando le performance dei prodotti nei singoli stati si scoprono aspetti sorprendenti - evidenzia Coldiretti - a partire del successo del vino tricolore in casa degli altri principali produttori, con gli acquisti che crescono in Francia (+11 per cento), Stati Uniti (+8 per cento), Australia (+21 per cento) e nel Cile (+66 per cento). Lo spumante tricolore si afferma in Cina (+101 per cento) ma anche in Gran Bretagna (+50 per cento) e in Russia (+31 per cento), ma va forte anche la birra che conquista i paesi nordici, dalla Germania (+66 per cento), alla Svezia (+19 per cento), fino all'Olanda (+9 per cento). ''Il record fatto registrare dall'export e' il frutto del lavoro di un tessuto produttivo ricco, capillare, che coinvolge milioni di uomini e che rende l'Italia competitiva anche all'interno dei processi di mondializzazione dell'economia e delle idee'', dichiara il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo, nel sottolineare che ''ora occorre difendere questo patrimonio, portando sul mercato il valore aggiunto della trasparenza e dando completa attuazione alle leggi nazionale e comunitaria che prevedono l'obbligo di indicare in etichetta l'origine degli alimenti''. All'estero - stima infatti Coldiretti - il falso Made in Italy a tavola fattura 60 miliardi di euro e sono falsi due prodotti alimentari di tipo italiano su tre.

com-stt/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4