mercoledì 22 febbraio | 09:51
pubblicato il 07/lug/2014 14:36

Agricoltura, ecco la valle-bio dove si multa chi inquina

La rivoluzione di Vallarsa: chi non è biologico paga

Agricoltura, ecco la valle-bio dove si multa chi inquina

(askanews) - Piccola grande rivoluzione nel mondo dell'agricoltura e dell'agroindustria in arrivo dai Comune di Vallarsa, tra Rovereto e Schio. Il consiglio comunale ha deciso di regolamentare le coltivazioni agricole e gli allevamenti sulla base del principio "chi inquina paga".Per la prima volta in Italia, su questo territorio coltivazioni e allevamenti non biologici saranno ammessi soltanto se certificati e condotti con modalità rispettose dell'ambiente. Fino a oggi, e in tutto il resto d'Italia non è così: e a dover dimostrare di non usare tecniche inquinati sono i produttori biologici, con oneri e procedure a loro carico che li collocano, di fatto, ai margini del mercato.Geremia Gios, sindaco di Vallarsa e direttore del dipartimento di Economia dell'Università di Trento."Anche utilizzando prodotti legittimi dal punto di vista normativi, questi possono dare conseguenza negative dopo diversi anni - spiega il sindaco - quindi utilizzando il principi di precauzione si tratta di consentire in maniera libera solo le coltivazioni e i prodotti che sicuramente non danno successivamente alcun inconveniente, gli altri o pagano una fideiussione o vengono multati"La rivoluzione di Vallarsa quindi traduce in concreto un principio condiviso in teoria da molti, ma fino ad oggi mai previsto nelle strategie di buon governo:"In Vallarsa chi inquina paga, anche in campo agricolo"La creazione di un territorio totalmente libero da agenti non naturali viene visto con molto interesse da aziende agricole a vocazione esclusivamente naturale come Aboca, cha ha seguito da vicino l'iniziativa di Vallarsa. E che ha voluto che l'esperienza fosse anche al centro di uno degli appuntamenti del Festival "A seminar la buona pianta".

Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%