mercoledì 18 gennaio | 11:32
pubblicato il 06/feb/2014 19:41

Agricoltura: Cia, puntare su export e aggregazione Made in Italy forte

Agricoltura: Cia, puntare su export e aggregazione Made in Italy forte

(ASCA) - Roma, 6 feb 2014 - Rafforzare il comparto ortofrutticolo italiano puntando su due parole chiave: export e aggregazione. Lo afferma in una nota la Confederazione italiana agricoltori (Cia) in occasione di Fruit Logistica, la piu' importante fiera internazionale del settore, in corso a Berlino. Con i suoi 14 miliardi di euro di fatturato complessivo e 463 mila aziende coinvolte, l'ortofrutta - ricorda la Cia - rappresenta uno dei segmenti strategici dell'agricoltura italiana. Ma - aggiunge- il notevole incremento dei costi produttivi, la ''concorrenza sleale'' delle economie emergenti con bassi controlli fitosanitari, la forte polverizzazione dei soggetti, insieme al calo costante dei consumi interni, stanno incrinando la sua storica leadership europea.

Ecco perche' - sottolinea la Cia - per tornare a crescere e ottenere piu' competitivita', occorrono prima di tutto politiche che valorizzino sempre di piu' l'aggregazione del prodotto perche', solo tramite una maggiore cooperazione e concentrazione nella filiera, ci saranno migliori condizioni e opportunita' di affrontare con successo i mercati.

Contestualmente, bisogna puntare verso il massimo incremento della capacita' di esportazione, che oggi garantisce in media il 25-30 per cento del giro d'affari del settore. Una scelta indispensabile per compensare almeno in parte il crollo dei consumi domestici di frutta e verdura, che anche nel 2013 sono diminuiti del 2 per cento in quantita' e del 3 per cento in valore.

Ma Fruit Logistica - aggiunge la Confederazione - e' stata anche l'occasione per avere un confronto tra le interprofessioni (Oi) europee di Spagna, Francia, Italia.

Nazario Battelli, presidente dell'Oi ''Ortofrutta Italia'' e delegato Cia per i rapporti di filiera, ha incontrato i presidenti delle Organizzazioni interprofessionali europee.

Uno scambio importante da cui e' emersa una priorita' su tutte: e' necessario omogeneizzare le norme di commercializzazione e per l'utilizzo dei prodotti fitosanitari a livello Ue, che oggi ledono la competitivita' delle imprese. com-stt/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Mutui
Mutui, Abi: a dicembre tassi interesse al 2,02%, minimo storico
Economia estera
Il presidente cinese Xi va a Davos a difendere il libero scambio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa