giovedì 19 gennaio | 04:07
pubblicato il 01/mar/2013 14:10

Agricoltura: Cia, a febbraio settore contribuisce a frenata inflazione

(ASCA) - Roma, 1 mar - L'agricoltura contribuisce alla frenata dell'inflazione a febbraio. I prezzi dei prodotti alimentari non lavorati (soprattutto i vegetali freschi) sono, infatti, diminuiti, in termini congiunturali, dello 0,1 per cento e hanno fatto registrare un deciso rallentamento in termini tendenziali, passando dal piu' 4,8 per cento di gennaio al piu' 3 per cento. E' quanto segnala la Cia (Confederazione italiana agricoltori) in merito ai dati provvisori dell'Istat.

Dai campi - osserva la Cia - e' quindi venuto un colpo di freno che riporta i listini al dettaglio (specie sul fronte del ''fresco'') su livelli piu' accessibili, anche se i prodotti trasformati rimangono ancora cari. Comunque, sempre molto al di sotto delle quotazioni raggiunte negli ultimi mesi.

La flessione al dettaglio dei prezzi degli alimentari non lavorati e' principalmente imputabile alla diminuzione congiunturale dei listini dei vegetali freschi (meno 2 per cento) che crescono su base annua del 2 per cento, ma calano sensibilmente rispetto a gennaio, quando avevano fatto segnare una crescita del 13,1 per cento.

Il calo dei prezzi agricoli all'origine - ricorda la Cia - ha interessato la maggior parte dei comparti. A gennaio scorso -come segnala l'Ismea- si e' avuta una flessione congiunturale (rispetto a dicembre) dell'1,2 per cento.

Diminuzioni si registrano per i cereali (meno 1,9 per cento), la frutta (meno 0,7 per cento), le sementi e le coltivazioni industriali (meno 0,8 per cento), i ''lattiero-caseari'' (meno 0,3 per cento), gli avicoli (meno 9,3 per cento), gli ovi-caprini (meno 8,7 per cento), i conigli (meno 6,2 per cento) e le uova (meno 3,2 per cento).

Di contro resta sempre difficile la situazione delle imprese agricole che fanno i conti con prezzi non remunerativi e con un aumento continuo dei costi produttivi, contributivi e burocratici, senza contare dell'effetto pesante provocato dall'Imu. E tutto questo comportera' - conclude la Cia - un nuovo taglio dei redditi dei produttori.

com/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina