mercoledì 18 gennaio | 15:42
pubblicato il 22/ott/2015 20:31

Agnelli(Cofimi): governo aiuti le Pmi a difendere i brevetti

Intervista al presidente della Cofimi Industria Paolo Agnelli

Agnelli(Cofimi): governo aiuti le Pmi a difendere i brevetti

Roma, (askanews) - Il governo deve aiutare le piccole e medie imprese a difendere i loro brevetti perché la contraffazione sta creando "gravi danni" al tessuto produttivo. Lo sostiene il presidente della Cofimi Industria, Paolo Agnelli, intervenuto alla presentazione della seconda fase del progetto di formazione sulla tutela della proprietà industriale L2Pro. La contraffazione, dice, "pesa moltissimo sapete tutti quanto è difficile proteggere i nostri prodotti non solo del Made in Italy e non solo per quanto riguarda la manifattura ma anche per l agroalimentare. E un problema che non è ben difeso dal sistema e pertanto crea gravi danni non solo per i prodotti falsificati ma anche poer i marchi contraffatti o storpiati".

"Come è emerso da questo convegno il problema reale è la difesa della proprietà intellettuale e brevettuale - prosegue - Purtroppo fino ad oggi non c è stata una vera e valida difesa in quanto basta poco per eludere la brevettualità e, di fatto, rubarti l idea rubarti, il design e rubarti il prodotto".

Difficoltà che rischiano di aumentare con la nuova normativa europea: "Con la nuova normativa che è stata da poco approvata in cui il foro competente è stato spostato a Parigi, Londra e Berlino per una piccola impresa che si vede attaccata nel suo brevetto deve rivolgersi ad uno di questi tre fori competenti e come minimo per iniziare una causa deve spendere 100.000 euro. Per difendersi in più sedute si arriva, da una stima che abbiamo fatto, anche un milione di euro. Per cui non so se avrà ragione o avrà torto ma senz altro avrà speso un milione di euro che di solito le piccole e medie imprese non hanno. Per cui il governo deve porre l'attenzione su questo gravissimo problema oppure mettere in condizioni le imprese di difendersi o finanziare queste difese, visto che ci tiene molto, in inglese francese o tedesco da avvocati che non sono i nostri".

Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Economia estera
Il presidente cinese Xi va a Davos a difendere il libero scambio
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Milano Moda, l'uomo disinvolto e sicuro di Armani
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa