domenica 11 dicembre | 03:31
pubblicato il 27/mag/2014 14:56

Agnelli: Elkann, dopo morte dell'Avvocato Umberto fu riferimento forte

Agnelli: Elkann, dopo morte dell'Avvocato Umberto fu riferimento forte

(ASCA) - Sestriere (To), 27 mag 2014 - Umberto Agnelli fu determinante nel mantenere la famiglia coesa in un momento molto difficile per la famiglia e la Fiat dopo la morte dell'Avvocato, anche per la delusione provocata dal comportamento di alcune persone e di certi ambienti ritenuti amici. E' quanto osserva John Elkann, a Sestriere per la commemorazione dello zio Umberto nel decennale della sua scomparsa.

Elkann non fa nomi ma il riferimento e' alle banche e soprattutto all'ex amministratore delegato Giuseppe Morchio, a cui nella giornata di oggi sono state sollevate piu' volte, anche se senza mai nominarlo, dure critiche.

''Durante i miei 12 mesi da consigliere in Fiat, sotto la sua presidenza - ha detto Sergio Marchionne, durante il suo intervento - l'ho visto gestire i momenti difficili dell'azienda, non solo quelli dovuti ai problemi finanziari, ma anche quelli collegati ai rapporti con un certo manager.

Il rapporto con mio zio Umberto - racconta Elkann a margine della manifestazione di oggi - si e' molto intensificato quando mio nonno ci lascio' nel 2003. E lui nonostante io fossi molto giovane all'epoca mi diede molte responsabilita' in un momento molto difficile''.

E anche il sindaco di Torino, Piero Fassino, interviene sulla stessa vicenda quando sottolinea, ricordando un incontro con Umberto Agnelli nella sede romana della Fiat in Via Bissolati, l'irritazione e la determinazione di Umberto Agnelli per il tentativo di sottrarre l'azienda alla famiglia e all'Italia.

''La coesione che riusci' a creare nella nostra famiglia - prosegue Elkann - fu molto importante. Ricordiamoci che in quel momento li' noi eravamo molto isolati - osserva Elkann - avevamo avuto persone che avevano lavorato con noi anche molto deludenti, parlo di delusioni umane, e che per me a quell'eta' furono molto sorprendenti. Persone che penseresti che ti sono vicine - aggiunge - e di fatto non lo sono, situazioni che riterrresti ovvie e non lo sono. E mio zio Umberto fu una persona straordinaria nel saper tener in maniera molto determinata la direzione della nostra famiglia e delle nostre attivita' comuni''.

Umberto Agnelli ''fu un riferimento forte. E in quel periodo durato, meno di un anno, quello tra di noi divenne un rapporto da adulti - dice ancora Elkann -. Prima era un rapporto da zio a nipote, molto legato alla Juventus: ci vedevamo per le partite perche' lui viveva vicino allo stadio mangiavamo li' e poi si andava alla partita. Ho imparato molto e abbiamo condiviso molto delle cose che dovevano essere fatte, come l'impegno su Fiat. Si e' detto che non amasse l'auto, ma non e' vero e questo e' dimostrato, non amava l'auto se era mal gestita''.

eg/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina