sabato 25 febbraio | 08:35
pubblicato il 06/mag/2016 13:57

Agnelli (Confimi): Pmi uniche a poter far ripartire il Paese

Ma avanti con riforme e superare vincoli europei sul deficit

Agnelli (Confimi): Pmi uniche a poter far ripartire il Paese

Roma, 6 mag. (askanews) - Il tessuto delle piccole e medie imprese è l'unico in grado di far ripartire il Paese a condizione che le riforma vadano avanti, che ripartano gli investimenti, bloccati dai vicoli europei, e che dalla politica ci siano decisioni rapide. Lo ha sottolineato Paolo Agnelli, presidente di Confimi Industria, l'associazione che riunisce oltre 28.000 Pmi che ha tenuto la sua assemblea annuale a Roma.

Di fronte alle riforme messe a punto dal governo, ha detto: "Le imprese non possono che essere d'accordo con la semplificazione del Paese. Sistema legislativo deve essere velocizzato, l'abolizione del Senato è fondamentale come altre riforme come l'abolizione delle province, la riforma del titolo V, tutto ciò che può rendere veloci le decisioni in questo Paese. Le imprese stanno soffrendo e hanno bisogno di decisioni rapide".

Decisioni, soprattutto sugli investimenti, bloccate dai vincoli europei. In questo senso, secondo Agnelli, "La questione del vincolo del 3% è una questione che va risolta perché ormai siamo gli unici che lo rispettano. L'hanno risolta di loro iniziativa paesi come Portogallo, Spagna, Francia, Irlanda. Non vediamo perché noi dobbiamo fare i bravi bambini e rimanere al 2,6% quando altri paesi sono al 5%, 4,5% ecc. Questo 3% frena lo sviluppo della imprese e della nazione tutta, quindi ben venga il distacco da questo 3%".

Il posto di ministro dello Sviluppo Economico è ancora vacante. Per il dicastero di Via Veneto "auspichiamo che venga messo un ministro che conosca la realtà del sistema economico italiano che è fatto da Pmi. Non ci vogliono grandi guru internazionali ma ci vogliono semplici persone vicine alla politica, che sappiano conoscere il tessuto economico italiano, che è quello che va rilanciato che è il tessuto manifatturiero e quello delle piccole e medie imprese".

Dalla assemblea annuale di Confimi Industria, ha concluso Agnelli, "i messaggi che vogliamo che escano sono innanzitutto il sistema Pmi manifatturiero italiano che è l'unico in grado di risolvere il problema del welfare italiano perché solo le Pmi possono oggi assumere in quanto le grandi imprese se ne sono andate o sono state vendute e se ne andranno. Pertanto rimangono milioni di motorini che devono essere fatti ripartire. Partendo quello il problema dell'Italia già in parte si risolve. Occorre che lo Stato si renda conto di questo e segua le esigenze delle Pmi. Questo in primis, naturalmente il come lo abbiamo detto: questo sconfinamento del 3%, la semplificazione, le riforme e soprattutto grande volontà di far ripartire il Paese con grande determinazione".

Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech