lunedì 05 dicembre | 12:09
pubblicato il 28/gen/2013 16:31

Agenzia Ice: sbarcaa Tokyo total look Italia (1 Upd)

(ASCA) - Roma, 28 gen - Sbarca a Tokyo il toal look italiano.

Un'analisi dei dati piu' recenti del mercato giapponese, mostra che - tra i fornitori - l'Italia risulta essere in seconda posizione (dopo la Cina) alla voce ''Lavori di cuoio o di pelle'' (954 milioni di US $, nei primi 11 mesi del 2012) e alla terza (dopo Cina e Vietnam) alla voce ''Abbigliamento e accessori in tessuto'' (516 milioni di US$). La quota italiana sul totale delle importazioni giapponesi di abbigliamento nello stesso periodo di riferimento, e' stata del 2,5%, collocando il nostro Paese in terza posizione, dopo la Cina (con una quota del 78,1%) ed il Vietnam (con una quota del 6,5% sul totale). Nell'abbigliamento in pelle invece l'Italia risulta essere seconda e detiene una quota import del 23,6%, per un valore di 29,3 milioni di $.

Nel settore pellicceria, sempre nei primi 11 mesi del 2012, l'Italia vanta una quota import del 13,3% sul totale delle importazioni giapponesi del settore, con un valore pari a 22,7 milioni di $, posizionandosi dopo la Cina e prima della Francia. L'Italia rimane il secondo fornitore del Giappone anche nella pelletteria e nei primi 11 mesi del 2012 conferma la stessa posizione di vertice per questo settore con una quota pari al 16,5%, per un valore di 954,1 milioni di $.

Per le calzature, la quota import italiana e' stata del 6,0%, ponendo il nostro Paese al terzo posto, dopo la Cina (con una quota del 67,6%) ed il Vietnam (con una quota del 7,5% sul totale). Nelle calzature in pelle invece il predominio italiano e' assoluto. Nei primi 11 mesi del 2012, la quota import di calzature in pelle e' stata del 24,7%, per un valore di 284,3 milioni di $ (seguita dalla Cina con il 17,2% per un valore di 198 milioni di $).

Le produzioni italiane confermano la loro posizione di vertice anche nel settore calzature in pelle da donna che registrano una quota del 32,2% sul totale delle importazioni giapponesi, per un valore di 116,5 milioni di $ (seguita dalla Cina con il 18,3% per un valore di 66,2 milioni di $).

L'Italia rimane il primo fornitore del Giappone anche nelle calzature in pelle da uomo, con una quota del 23,0%, pari a 64,0 milioni di $ e nelle calzature casual in pelle, dove ha raggiunto, un valore di 103,7 milioni di $, con una quota pari al 20,2%.

com- ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Pil
Pil, Istat: verso stabilizzazione ritmo di crescita dell'economia
Riforme
Riforme, Dijsselbloem: mercati calmi, non servono misure emergenza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari