domenica 04 dicembre | 09:58
pubblicato il 19/set/2013 13:15

Agenzia entrate: studi di settore 'soft' per aree terremotate 2012

Agenzia entrate: studi di settore 'soft' per aree terremotate 2012

(ASCA) - Roma, 19 set - Studi di settore soft per le aree terremotate nel 2012. I contribuenti residenti nei territori interessati dagli eventi sismici del maggio 2012 - Emilia Romagna, Veneto e Lombardia - e che hanno riportato danni ai locali destinati all'attivita' d'impresa, di lavoro autonomo o alle scorte di magazzino, possono considerarsi in un periodo di ''non normale'' svolgimento dell'attivita'.

Dunque, questi soggetti sono esonerati dalla presentazione del relativo modello degli studi di settore per il periodo d'imposta 2012. I contribuenti che, nel periodo di imposta in corso alla data del 31 dicembre 2011, hanno cessato di avvalersi del regime dei ''minimi'', possono per il 2012 non compilare il quadro T- Congiuntura Economica e riportare la situazione soggettiva nelle annotazioni di Gerico 2013. Il documento di prassi, inoltre, specifica che la modifica nel corso del periodo d'imposta dell'attivita' prevalente esercitata si puo' configurare come ''causa'' di esclusione rientrante tra quelle previste per i contribuenti che si trovano in un periodo di non normale svolgimento dell'attivita'. Sono questi i chiarimenti di maggior interesse contenuti nella circolare n. 30/E, diffusa oggi, che risponde ai quesiti dei contribuenti in materia di applicazione degli studi di settore. Il documento di prassi passa in rassegna alcuni casi in cui i contribuenti possono presentare un periodo di non normale svolgimento dell'attivita', come ad esempio i danni ai locali destinati all'attivita' d'impresa o di lavoro autonomo che li rendono inidonei all'uso, oppure, i danni rilevanti alle scorte di magazzino che causano la sospensione prolungata della produzione.

Nell'eventualita', prosegue la circolare, in cui i contribuenti, dopo l'evento sismico, non riescano ad accedere ai locali di esercizio dell'attivita' poiche' situati in aree di divieto assoluto d'accesso, e' ipotizzabile un periodo di non normale svolgimento dell'attivita'.

In questi casi, quindi, i soggetti d'imposta non sono accertabili sulla base delle risultanze degli studi di settore ed esonerati, se residenti nei territori interessati dagli eventi sismici del maggio 2012, dalla presentazione del modello, per il periodo d'imposta 2012.

I contribuenti che esercitano attivita' d'impresa e, nel periodo d'imposta in corso alla data del 31 dicembre 2011 hanno cessato di usufruire del regime dei ''minimi'', possono non compilare il quadro T - Congiuntura Economica nel caso in cui non abbiano i dati utili per il calcolo dei correttivi ''crisi''. I soggetti interessati possono comunque fornire le indicazioni utilizzando la sezione relativa alle annotazioni di Gerico 2013.

Nel caso in cui la situazione dell'impresa subisca una rilevante modifica nel corso del periodo d'imposta di riferimento, come nel caso in cui l'attivita' prevalente esercitata risulti cessata, questa evenienza si puo' configurare come causa di esclusione dall'applicazione degli studi di settore. Comunque, anche in questo caso, e' prevista la compilazione del modello per i soggetti esclusi.

In particolare, in sede di presentazione del modello, questi soggetti dovranno specificare, nella sezione ''Note aggiuntive'' di Gerico, la circostanza che ha consentito di ricondurre la situazione dell'impresa a una causa di esclusione dall'applicazione degli studi di settore.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari